Categorie
Incontri

Incontri on line e matrimoni combinati

Le modalità degli incontri online sono simili a quelle dei matrimoni combinati dove dall’attesa di conoscere l’altro si passa all’incontro vero e proprio

Oggi basta un click per entrare in contatto con persone di diversa estrazione sociale, etnia, età.

Gli incontri online sono ormai all’ordine del giorno e molte volte favoriscono la nascita di potenziali amori o amicizie. In alcuni casi c’è chi riesce a trovare addirittura l’anima gemella con cui passare il resto della propria vita. Si potrebbe pensare che un argomento così attuale come questo possa avere poco a che vedere con una delle tradizioni più antiche d’Europa, ovvero quella dei matrimoni combinati, ma nei fatti hanno più cose in comune di quanto si possa credere.

In voga ancora nei paesi orientali, la “moda” dei matrimoni combinati parte con la ricerca del pretendente mediante dei filtri appositi che richiamano quelli adoperati in un sito d’incontri: c’è una vera e propria targetizzazione, dall’età alla localizzazione geografica, che porta al restringimento di una cerchia di individui ritenuti interessanti.

Una volta che la scelta è stata effettuata inizia il contatto a distanza: anche in questo caso il tempo trascorso a conoscere l’altro individuo tramite email, chat, messaggi e in alcuni casi telefonate, ricorda lo stesso che la coppia combinata trascorreva prima di conoscersi.

Durante lo scandire del tempo si acquisiscono informazioni che creano nella mente un’idea della persona in questione di cui possibilmente ci si inizia ad innamorare. L’incontro è il momento di conferma o di smentita: è l’attimo in cui si scopre se chi abbiamo di fronte corrisponde al nostro pensiero, rivelandosi addirittura migliore, oppure sia completamente l’opposto, innescando un sentimento di delusione.

L’elemento principale di congiunzione tra la tradizione e l’odierno è dato quindi dall’attesa che si mescola al desiderio di conoscenza dell’altro. Internet ha ricreato questa sfera, quasi perduta, facendo riscoprire quella dimensione scandita tra l’acquisizione di informazioni e l’incontro al cui centro sta il piacere suscitato dall’attesa. Del resto come scriveva Gotthold Lessing “L’attesa del piacere è essa stessa piacere”.