Categorie
Tendenze

Le allergie possono causare un calo del desiderio?

Se siete innamorati o attratti fisicamente da qualcuno, fate attenzione alle allergie che possono diventare la causa di repentini cali di desiderio

L’allergia è uno dei malesseri di stagione più diffusi al mondo che colpisce un soggetto in vari modi, infastidendolo e condizionandolo.

Spesso i rimedi risultano inefficaci, costringendo chi ne soffre ad isolarsi pur di non risultare fastidioso agli altri e di nascondere quanto il più possibile il problema. Ma se a volte l’isolamento può lenire il disturbo, in altre occasioni invece ne aumenta le conseguenze, relegando il soggetto in uno stato di solitudine che lo spinge ad essere scontroso ed irascibile.

Anche in campo sentimentale, le allergie causano disagi e fastidi non solo a chi ne accusa i sintomi, ma soprattutto alla coppia nella sua unità. Sembra, infatti, che proprio a causa dell’allergia il soggetto può accusare un calo del desiderio.

Questo è il dato che è scaturito da un recente studio condotto dalla Ohio Cleveland Clinic e pubblicato sulla rivista “Allergy and Asthma Proceedings”, che ha confermato come tali intolleranze siano il fattore principale che spegne la passione nella coppia.

Sebbene la primavera sia la stagione dell’amore, è vero anche che proprio durante questo periodo sono molti i partner allergici costretti a tenersi a debita distanza dalla propria persona amata.

Intervistando 700 persone affette da disturbi allergici infatti, gli scienziati dell’Ohio hanno dimostrato lo stretto legame che unisce i sintomi presentati da questi soggetti con allergia, quali starnuto e prurito, con l’esito della loro attività sessuale, affermando che l’83% degli intervistati presenta sia scompensi nel sonno che un calo del desiderio.

La colpa non è però da attribuirsi solo ai sintomi, ma anche agli effetti collaterali degli antistaminici che provocano sonnolenza e diffuso stato di malessere che bloccano la passione del soggetto.

Secondo uno studio iranico, condotto dalla Tabriz Mediacal University, però, sembra che l’attività sessuale può aiutare a limitare i sintomi dell’allergia, visto che clinicamente parlando l’apparato riproduttore e quello respiratorio sono entrambi connessi all’apparato simpatico, e la pratica sessuale comporterebbe un restringimento dei capillari in tutto il corpo, in modo da portare un generale sollievo.

A chi dare dunque ragione? Forse è proprio il caso di verificare.