Categorie
Notizie

Aspetto esteriore: “troppo bello” per essere arabo

Di solito avere un bell’aspetto può essere un vantaggio soprattutto in campo sentimentale, anche se questo non coincide in tutte le culture del mondo

Ogni donna ha un’idea precisa di uomo, che modella in base ai propri gusti e alle proprie aspettative.

L’uomo ideale infatti cambia con il mutamento delle mode, dei tempi, ma soprattutto in base alla cultura di appartenenza. Proprio quest’ultima può rappresentare un limite in campo sentimentale e frenare l’istinto e le pulsioni durante un nuovo incontro, diventando una scusa per non affrontarlo.

La cultura può, però condizionare anche lo stesso modello di bellezza: ciò per quanto strano possa sembrare, è frutto di una storia vera, vissuta da un affascinante uomo arabo. Omar Borkan Al Gala, questo il nome del ragazzo, fotografo di moda, attore e poeta di Dubai, è risultato “troppo bello” per partecipare ad un festival tenuto a Riyad e, per questo è stato allontanato, insieme ad altri due bei partecipanti, dalla polizia religiosa.

I tre irresistibili uomini sono stati espulsi dall’Arabia Saudita a causa della loro sproporzionata bellezza fisica, reputata colpevole dalla Commissione per la promozione della virtù e la prevenzione del vizio, appartenente all’Arabia, secondo cui i tre uomini sembra abbiano distratto molte donne, attratte dai loro fisici e dal loro fascino, incitandole indirettamente all’immoralità.

La fondatezza delle accuse rivolte ai tre giovani si è avuta non appena i giornali locali hanno pubblicato la loro vera identità, fino a quel momento sconosciuta e tenuta nascosta dalle autorità religiose.

Dopo la scoperta, nonostante il monito dei responsabili della commissione si sia diffuso in breve tempo, il profilo on line di Omar è stato comunque visitato da tantissime donne che non hanno esitato a lasciargli messaggi con proposte di matrimonio o inviti galanti.

Il popolo femminile ha gradito le foto pubblicate dall’uomo arabo senza dare troppa retta alle leggi ortodossee conservatrici orientali e preferendo, invece, rifarsi gli occhi. Accolto dalle sue numerose fan, però Omar dovrà accontentarsi di loro, rinunciando all’allestimento del Festival che stava organizzando con gli altri due ragazzi.

Ma come si dice: nella vita non si può avere tutto.