Categorie
Tendenze

I 5 peggiori difetti del partner

Siete delle persone tolleranti oppure non riuscite proprio a digerire alcuni aspetti della persona che amate? Scopritelo attraverso i suoi 5 difetti peggiori

Quante volte avete detto al vostro partner o a chi avete avuto accanto “non ti sopporto più”? E quante altre avete cercato invece di soffocare la vostra rabbia e disapprovazione solo per mantenere la pace?

Tranquilli è tutto normale, e quello che vi è capitato accade spesso a molti, a causa dell’insopportabile fastidio creato da alcuni atteggiamenti tenuti dai partner o da una nuova conquista.

Secondo i dati diffusi da un recente sondaggio condotto da un noto sito di vacanze dedicate ai single, i difetti meno tollerati dalle coppie e dai partner si ridurrebbero solo a 5, rientrando però in una lista nera un po’ più lunga.

Questi non sarebbero solo prerogativa delle coppie già consolidate, ma andrebbero attenzionati anche e soprattutto dai single che sono in cerca dell’anima gemella o che si accingono ad approfondire una nuova conoscenza.

Dalla ricerca è venuto fuori che al primo posto della scala di valori da 1 a 5 spetta al 36% degli intervistati ritardatari che non riuscendo a rispettare la puntualità irritano chi li attende impazientemente, rischiando di mandare a monte l’intero appuntamento. Tale atteggiamento diventa ancor più intollerabile se ripetuto altrettante volte.

Al secondo posto della scala si posiziona la poca memoria mostrata per gli eventi importanti. Dimenticare una ricorrenza infatti caratterizza il 24% degli intervistati e rappresenta un difetto mal tollerato dai loro partner che si irritano a tal punto da decidere di mettere fine al loro rapporto o alla preventiva nascita di una storia sentimentale.

Il terzo difetto è rappresentanto dalla totale indifferenza nei confronti dell’altro mostrata durante un incontro. Il 19% degli intervistati infatti non riesce a mettere da parte messaggi o chiamate quando è in presenza della persona amata o ancora da conquistare. Su questo punto influiscono negativamente i social network che si insinuano nelle conversioni face to face con ripetute notifiche. 

Il quarto posto tocca al disordine caratteristico del 13% dei partner intervistati, apparsi fin troppo superficiali e poco attenti al benessere di coppia. Ciò stimola lo stress del compagno costretto a sopportare e a riorganizzare continuamente la realtà quotidiana di coppia.

Al quinto ed ultimo posto si posiziona la pigrizia, che per l’8% degli intervistati diventa un presupposto di solitudine. Chi è pigro infatti non ama far nulla e indirettamente mantiene le distanze da chi lo circonda.

Come già detto questi sono solo alcuni dei moltelici difetti che infastidiscono, ma che potrebbero rivelarsi anche un imput per incentivare la relazione e darle una botta di vita.