Categorie
Tendenze

I pro e i contro di avere un figlio dopo i 40 anni

Oggi in Italia avere un figlio non è più una priorità, tanto che molti si ritrovano a diventare genitori all’età di 40 anni e oltre. Ma cosa comporta?

La situazione odierna vissuta in Italia, investita da una forte crisi, ha modificato, e non di poco, quelli che sono gli aspetti sociali ed economici che riguardano la sfera personale di ogni individuo.

Il futuro oggi fa paura, e purtroppo sono molti coloro che rimandano l’idea di famiglia e di casa, per via degli eccessivi costi che questi comportano

Anche l’idea di un figlio viene accarezzata sempre meno, sopratutto in un contesto odierno dove è la figura del gentil sesso ad essere cambiata: da regina della casa a donna in carriera. L’età della maternità, nel nostro bel Paese, viene così posticipata sempre più in là, tanto che ormai è una normalità vedere una donna madre del primo figlio a quarantanni e oltre. Molte vips per esempio, da Gianna Nannini a Carmen Russo, sono diventate mamme in un’età molto matura.

La scelta di una donna over 40 di diventare madre non è casuale ma ben ponderata: oggi è molto difficile concepire un figlio per via delle diverse problematiche e dello stress a cui si è sottoposti quotidianamente. In questa decisione tardiva influiscono inoltre due elementi essenziali che sono la scelta di dedicarsi alla propria realizzazione personale e lavorativa, e le storie d’amore chiuse male vissute in passato.

Ma cosa comporta procreare un figlio quando si è varcata la soglia degli anta?

Consapevolezza: come già detto l’idea di avere un figlio a questa età è una scelta che arriva da un’accurata riflessione. Come tutte le gravidanze, i nove mesi saranno caratterizzati da ansia e un po’ di paura, ma il post parto farà largo alla felicità a cui si affiancherà un bagaglio di vita riempito con tanta esperienza acquisita nel corso degli anni, che aiuterà nella crescita e nell’educazione della nuova prole.

Numerosi esami. Clinicamente i 35 anni sono un’età che viene già considerata a rischio per chi decide di avere una gravidanza: è ovvio quindi, che chi sceglie di intraprendere questo cammino abbia la consapevolezza di doversi sottoporre a numerosi controlli, certamente ancora più numerosi di quelli predisposti normalmente. C’è di buono che oggi parte di questi controlli sono gratuiti in modo da non intaccare ulteriormente il budget economico delle famiglie.

Cambiamenti fisici. Durante una gravidanza il corpo di una donna si modifica in modo da poter accogliere la nuova vita. Nelle over 40 la perdita di peso sarà difficile, ma no impossibile: basta impegnarsi ed essere costanti.

Confronto anagrafico. Il confronto con le altre madri più giovani sarà inevitabile, come la possibilità di imbattersi in qualcuno che inizialmente più che ad una figura materna pensi ad una zia. Il segreto, così come nella maggior parte dei casi, è non badarci: del resto un confronto può sempre rivelarsi costruttivo.

La realtà è che un figlio aiuta a mantenersi sempre giovani e in movimento. La scelta di diventare genitori però, non deve essere un desiderio egoistico, perché oggi i figli non possono vivere di solo amore: bisogna sempre tener presente quello che si è in grado di dare a qualsiasi età.