Categorie
Notizie

New Orleans: pensano di essere due sosia, ma si scoprono sorelle

Due ragazze della West Coast, notevolmente somiglianti tra loro, scoprono di essere sorellastre: è quanto accaduto in una delle università di New Orleans

Si somigliano cosi tanto, da scoprire di essere sorelle: è successo a New Orleans.

Due matricole infatti si sono ritrovate nello stesso campus, dopo aver scambiato per mesi innumerevoli messaggi su Facebook: una volta incontratosi, data la notevole somiglianza, hanno scoperto di essere sorellastre.

Mikayla Stern-Ellis, studentessa di 19 anni presso la Tulane University, stringe amicizia con Emily Nappi, di 18 anni, anche lei proveniente dalla West Coast: le due sono venute a contatto durante un processo di ricerca per trovare un compagno di stanza tramite Facebook. Attraveso un sondaggio online le due ragazze hanno potuto constatare di avere molte cose in comune e che la convivenza tra loro sarebbe stata di sicuro interessante e serena.

Nonostante però Emily avesse già trovato un compagno di stanza, le due rimangono in contatto, consolidando ogni giorno di più il loro rapporto di amicizia: entrambe scoprono così non solo di avere un padre donatore di sperma, ma anche della stessa etnia, ovvero colombiano.

Le due giovani, così come i loro amici, hanno sempre scherzato sul fatto di essere sorelle, per via della somiglianza, rispondendo “lo siamo per il 25%”, ma mai pensando o ipotizzando che ciò potesse essere vero.

I genitori di Mikalaya sono due madri lesbiche, Heidi e Debra Stern-Ellis, le quali si sono rivolte a un donatore di sperma per avere la loro figlia. Quando la giovane è tornata a casa per la vacanze invernali ha raccontato alle madri di questa nuova amica con cui aveva molto in comune. Le due dopo aver visionato la foto che raffigurava Emily e Mikalaya insieme, hanno chiesto alla figlia di domandare all’amica il numero del donatore.

L’arrivo del numero inviato da Emily, tramite messaggio, coglie tutti di sorpresa, e tutto quello che fino ad un momento prima sembrava dettato solo fortuite coincidenze e affinità inizia ad avere un senso: tutte e due condividono lo stesso “padre”.

Ma lo stupore e lo sgomento hanno lasciato subito posto alla felicità: entrambe, dopo essersi ritrovate e chiarite, hanno cambiato la loro foto profilo su Facebook con una che le ritrae strette e sorridenti in un abbraccio, a cui Mikalaya ha aggiunto questa frase: “Un filo invisibile connette tra loro coloro che sono destinati ad incontrarsi, indipendentemente dal tempo, luogo o circostanza!”.