Categorie
Notizie

Monica Lewinsky: la verità sul rapporto con Clinton

La sexy segretaria di Clinton rivela di rimpiangere la sua presunta relazione con l’ex Presidente degli States: sarà vero o è solo una trovata pubblicitaria?

Chi non ricorda il nome di Monica Lewinsky, ex segretaria del Presidente Clinton nonché la sua presunta amante, con la quale avrebbe tradito la moglie Hilary e che ora ritorna a far parlare di sé.

Dopo anni di silenzio, infatti, oggi Monica ha deciso di rivelare tutta la verità sul suo rapporto con Bill Clinton, cercando di chiarire le voci sul sexgate che l’ha coinvolta.

Così, pronta a chiarire tutto, l’ex stagista della Casa Bianca ha rilasciato un’intervista ad un noto giornale, affermando di provare rimpianti per tutto quello che è successo in passato, con lo scandalo che l’ha vista coinvolta in rapporti intimi con l’ex presidente e che, come ha asserito lei stessa più volte, le ha sconvolto la vita.

Ora, invece, in seguito alla notizia di un diciottenne suicidatosi dopo aver scoperto la propria ragazza baciare un altro, Monica ha riflettuto sul’umiliazione che può provare chi ama nel momento in cui viene tradito o chi, come lei, è stato oggetto mediatico per un lungo periodo.

“Ho toccato il fondo anche io, quando mia madre non mi lasciava un istante sola con la paura che anche io potessi commettere un gesto estremo a causa della vergogna e del disprezzo”, afferma Monica durante l’intervista, alla quale ha confidato di essere stata relamente innamorata di Bill Clinton, con il quale ha avuto una relazione consenziente.

Si dice dispiaciuta, ma ancora una volta ribadisce che quello con l’ex Presidente è stato un sentimento corrisposto che ancora brucia dopo 10 anni e nonostante le accuse e le denunce scaturite da quel caso pubblico. Proprio per questo, chiede a tutti di non pensare più a ciò che è successo e di non rimarcare sul suo passato.

Con questa breve lettera, Monica smentisce la storia degli abusi, così come dichiara di aver rifiutato offerte in denaro che le sono state rivolte dopo lo scandalo, scegliendo, invece, di andare via e di lasciare gli Stati Uniti per viaggiare e dedicarsi anche a progetti di beneficienza.

Si tratta allora di un vero e proprio pentimento che, come lascia mostrare l’ex stagista, giunge formentato da quel sentimento che in realtà era forte da entrambi i lati.