Categorie
Tendenze

Per le donne cinesi meglio incontrarsi “in smartphone” che a letto

La tecnologia ha abbattuto ogni barriera, ma forse esagera un po’ con la virtualità influenzando e smaterializzando le scelte sentimentali di molti soggetti

Vi lascereste mai sedurre dal vostro cellulare? Certe donne si, tanto da lasciarsi allontanare dal letto e dal proprio uomo che attende desideroso.

Sono molte infatti le donne nel mondo che sceglierebbero il proprio smartphone al proprio partner e al rapporto passionale con esso, ma sono soprattutto quelle cinesi che non riescono a resistere davanti ad una notifica, un messaggio o uno squillo proprio durante i momenti intimi di coppia.

Dai dati emersi da una ricerca condotta da una società di consulenza e trasmessi dall’ANSA, il 45% delle donne cinesi sarebbe disposta infatti a rinunciare al rapporto fisico con il proprio compagno pur di non distogliere l’attenzione dal proprio cellulare o di doversene separare per un breve periodo. Queste stesse donne orientali scelgono di stare lontano dal proprio partner, ma non al loro smartphone.

Lo studio ha dimostrato che al secondo posto si sono posizionate le donne americane che con il 39% battono solo per un punto le colleghe britanniche. Per giungere a questi dati, sono state intervistate circa 3600 rappresentanti del popolo femminile di età compresa tra i 18 e i 64 anni provenienti dal Brasile, dalla Cina, dagli Stati Uniti e dalla Gran Bretagna, tutte più propense a possedere un apparecchio cellulare con la quale entrare in contatto con tutto il mondo, piuttosto che possedere un compagno.

Ciò è confermato dalle dichiarazioni delle donne cinesi che hanno affermato di utilizzare i social media per restare aggiornate in tempo reale su tutto ciò che accade in giro. Il 44% di questo gruppo ha poi confessato di usare il proprio smartphone per cercare l’anima gemella o per fare nuove amicizie in Rete.

Sono molte le intervistate single che hanno riferito la loro propensione verso il virtuale, preferito spesso al reale per comodità di tempi o per mancanza di sicurezza personale, senza rendersi conto della perdita di possibilità che in questo modo non vengono vissute .

E allora, invece di farsi sfuggire un’occasione del genere, non è meglio miscelare la virtualità alla realtà e godere di entrambe le occasioni?