Categorie
Incontri

Incontri online: come riconoscere i bugiardi

Come fare a riconoscere chi racconta bugie all’interno di un sito di dating? In soccorso degli utenti arriva una ricerca che aiuta a smascherare i bugiardi

“Le bugie hanno le gambe corte” afferma un noto proverbio, e riconoscerle non è sempre facile. Purtroppo anche all’interno del mondo del dating online, sono molti quelli che si nascondono dietro una maschera, o meglio, dietro una falsa identità.

Le motivazioni possono essere svariate: a volte si tratta solo di persone insicure, altre volte di gente insoddisfatta della propria esistenza, che tende a crearsi una realtà alternativa. Poi ci sono quelli che cercano di spacciarsi per qualcuno che non sono solo per puro divertimento o per ottenere qualcosa in cambio, come soldi o altro.

Non è sempre facile riuscire a percepire le bugie da un profilo, anche se poi, un occhio più attento, scruterebbe subito le prime incongruenze. In ogni caso, il modo più semplice per capire se una persona dice delle bugie, è nel rapporto “tu per tu”, che può avvenire in chat, oppure tramite lo scambio di messaggi privati.

Secondo una ricerca condotta dall‘Università di Wisconsin-Madison e Cornell infatti, esiste un modo per smascherare i bugiardi in rete: basta fare attenzione alle parole utilizzate dagli altri iscritti durante le conversazioni e nella descrizione del profilo.

Ma quali sono gli elementi da porre sotto la lente di ingrandimento? Eccone alcuni:

Falso profilo: chi ha compilato il proprio profilo finto, cercherà sempre di puntare l’attenzione sulle proprie passioni e i propri hobby, piuttosto che puntare sulla descrizione del proprio aspetto fisico o della foto.

Utilizzo del “non” per esprimere il contrario di un aggettivo: piuttosto che optare per un “sono bello”,  chi scrive una bugia preferisce riferirsi a se stesso con non brutto, non ignorante e via di seguito.

Utilizzo della terza persona singolare. I bugiardi di professione amano parlare di sé e descriversi in terza persona, in modo da prendere le distanze da quell’altra identità che si sono creati.

Dicono poco. A volte un profilo poco curato è il risultato di qualcuno che vuol far sapere poco di sé, anche se, chi vuol farsi conoscere sa che una delle carte vincenti è proprio quella di inserire una descrizione completa e quanto più dettagliata, della propria persona. Per il menzognero invece, è consono inserire pochi dati, in modo da non dimenticare tutte le falsità elencate durante una conversazione.

Ad ogni modo esistono poi anche quelle bugie bianche, ovvero quelle dette solo per apparire migliore davanti gli occhi del proprio interlocutore: secondo la ricerca infatti, le donne mentirebbero per esempio sul proprio peso corporeo diminuendolo di circa 8 kg, rispetto al 1,5 kg degli uomini, mentre almeno la metà degli utenti tendono a falsificare la propria altezza aggiungendo centimetri in più, e il 20% bara sulla propria età anagrafica.

Questo ovviamente non deve intimorirvi: ponete solo più attenzione alle parole scritte dalla persona con cui state chattando, e ricordate che come nel mondo reale, anche in quello virtuale si trovano persone sincere.