Categorie
Consigli

Come superare l’ansia da convivenza

Il vostro partner vi ha chiesto di convivere con lui e vi sentite insicuri? Non sfuggite all’apparenza, ma cercate la soluzione per superare l’ansia

“Ti amo e voglio vivere con te, ma senza matrimonio” è la frase che suscita dubbi e timori in molte persone che si sentono messi in gabbia.

Ma perché, invece di aver paura di affrontare il discorso, non si prova a mettere un po’ di ordine nella propria mente e a cercare di comprendere cosa voglia in realtà il partner, provando a comprendere le sue intenzioni e i suoi sentimenti. Convivere con chi si ama non è affatto semplice, ma dimostra quanto affetto e attrazione ci siano nel cuore di chi vorrebbe avere accanto a sé il proprio compagno durante la vita di ogni giorno.

Se davvero si ama una persona e si è coscienti dei suoi pregi, ma soprattutto dei suoi difetti, è giunto il momento di mettere da parte ansie e dubbi e iniziare una nuova vita insieme.

– La causa principale giunge dall’interno ed è quindi indispensabile capire cosa si vuole realmente e se la convivenza sia la strada più giusta da seguire. In caso contrario, non sentitevi obbligati a fare il gran passo, perché senza voglia rischierete solo di compromettere la vostra relazione.

 – Dopo aver compreso la causa delle proprie paure e delle proprie ansie, rivolgete all’esterno la vostra attenzione e cercate di aprire un dialogo con il vostro partner, in modo da comunicargli cosa vi turba. Così potrete condividere con lui i vostri problemi e imparare a fidarvi di più, attraverso il ragionamento diretto.

– Qualora questo passaggio non vi conduca a qualcosa di positivo, rivolgetevi ad uno specialista e intraprendete una terapia di coppia che vi deluciderà il percorso più idoneo da condurre e chiarirà se la convivenza sia davvero utile alla vostra storia o no. Dovrete comprendere innanzitutto che la convivenza deve essere una condizione piacevole e serena e non un semplice ripiego che apporti un cambiamento alla vostra vita. Ci sono vari modi per cambiare, ma sicuramente non serve sorbarcarsi responsabilità delle quali non ci si sente pronti.

– Provate a concentrare l’attenzione solo sugli aspetti positivi della convivenza e se davvero provate un sentimento forte cosa vi dovrà turbare? Date un colpo di spugna all’ansia e andate avanti a testa alta, facendo solo pensieri sereni e ottimisti.

Convivere vuol dire stare con la persona del cuore, condividendo con lei sia la felicità che le problematicità.