Categorie
Notizie

Taylor Swift e Katy Perry: amiche-nemiche

Amici che vengono e amici che vanno. Lo sanno bene Taylor Swift e Katy Perry e il milioni di fan che seguono le loro continue ostilità e le riappacificazioni

Sembra davvero finita la relazione di amicizia tra Katy Perry e Taylor Swift, giunte al capolinea dopo numerosi litigi e contraddizioni

Loro, la reginetta del pop la prima e del country la seconda, si scontrano in un duello verbale, ricco di frecciatine e di insulti on line che, già da qualche tempo, lasciavano presagire niente di positivo e di sereno.

Sebbene il vero pomo della discordia resta ancora un mistero, dalle dichiarazioni delle due protagoniste sembrerebbe che la Perry abbia tolto dei ballerini all’amica, mandando in fumo l’intero tour e su tutte le furie la stessa cantante, che ha affermato di aver avuto sempre qualche dubbio sulla loro amicizia.

Fotografate insieme in diversi eventi importanti, immortalate mentre sorridevano e si abbracciavano, le due cantanti amiche- nemiche hanno sempre mostrato un affiatamento reciproco, sapendo abilmente nascondere agli occhi del pubblico i loro screzi e le loro incompatibilità caratteriali.

Eppure dalle parole della Swift che, in realtà non fa mai esplicitamente il nome della Perry, l’amica-nemica Katy risulta essere colpevole di un atto orribile nei suoi confronti che, seppur non si scopre di quale entità sia, ha compromesso il loro legame. A comprendere che le sue frecciate verbali siano rivolte proprio a Katy bastano i riferimenti espliciti postati su Internet che hanno ricevuto un’immediata e altrettanto indiretta risposta dall’interessata che si è sentita ingiustamente chiamata in causa.

La cantante country ha usato infatti i termini “bad blood” per rivolgersi alla collega pop, scatenando un polverone mediatico e attirando l’attenzione dei rispettivi fans che, numerosi, hanno seguito e commentato sul web i botta e risposta delle loro eroine musicali.

Come accade spesso su Internet, anche queste due amiche hanno scelto i social network per litigare pubblicamente e senza preoccuparsi dei giudizi altrui. Con il tempo, infatti, il web è diventato quel confessionale che tutti avrebbero voluto a casa, nella quale poter sbandierare ai quattro venti i propri fatti.

Per fortuna, c’è ancora chi crede nel valore della privacy e non tollera che ogni cosa deve essere condivisa con il mondo intero. E voi da che parte state?