Categorie
Notizie

“No lividi solo colore”: stop alla violenza

E’diventata virale, grazie ad un video, la nuova campagna anti-femminicidio il cui slogan è “No lividi solo colore”, per incitare a dire basta alla violenza

Sono allarmanti i dati che evidenziano la violenza che molte donne sono costrette a subire dal proprio marito, compagno o fidanzato: si parla di 7 donne su 10.

In molti casi viene anche registrata la presenza di bambini piccoli, che si trasformano in involontari spettatori di un teatro dell’orrore messo in scena da uomini che alle parole preferiscono i pugni, calci e nei peggiori dei casi, altro ancora.

Un tema caldo e purtroppo sempre attuale, che quasi quotidianamente ricopre le prime pagine di numerosi giornali. C’è molto da fare, nonostante molto sia stato fatto: ultimo, un video che sta spopolando sul web, acquisendo sempre più visualizzazioni, che mette in mostra una campagna anti-femminicidio il cui slogan è “No lividi solo colore”.

Il filmato è stato presentato in occasione del “Roma Movie Lounge”, svoltosi all’interno del Festival Nazionale del Cinema di Roma, dalla startup Niente paura. Le immagini mostrano scene molto forti, in cui si vedono uomini (se cosi si possono definire) picchiare duramente diverse donne indifese, riprese da telecamere nascoste: brevi fotogrammi che trasmettono una grave e grande sofferenza. L’invito, rivolto alle donne, è quello di dire basta a tutta questa violenza.

Donne vittime di un amore malato (perché di questo si tratta), fatto di schiaffi, pugni e calci, intensificati dal fatto che molte non denunciano il loro carnefice, ma preferiscono, per paura, soffocare un grido silenzioso racchiuso in quattro mura. Il 77% di loro infatti, subisce abusi che non confessa, nascondendo solitamente i lividi dietro a maldestri incidenti domestici.

“L’amore non è dolore, l’amore è gioia” si legge nel video: ed è proprio questo il messaggio che si vuole dare, spingendo tutte le donne che subiscono violenza ad uscire dalla loro omertà, per non restare vittime di un amore sbagliato, che molte volte, purtroppo, viene pagato a caro prezzo con la propria vita.

Un video per mettere ancor più evidenza la realtà che migliaia di donne vivono quotidianamente, ma anche per sostenere in modo concreto tutte le vittime del femminicidio.