Categorie
Consigli

Come corteggiare: l’insistenza aiuta?

Come si fa a capire, durante un corteggiamento, quando continuare ad insistere con una persona, e quando invece è il caso di lasciar perdere? Ecco come fare

Quando si resta invaghiti di una persona difficilmente si riesce a toglierla subito dalla testa, e ogni tentativo di conquista viene messo in atto pur di raggiungere il proprio obiettivo.

Tuttavia perseverare non sempre da i suoi frutti, anzi spesso conduce a risultati totalmente opposti e non di certo desiderati.

Come bisogna comportarsi allora e come capire quando è giunto il momento di mettere un punto alla propria insistenza? Il tutto dipende dalla persona che si vuole conquistare: bisogna monitorarne i movimenti, capire i suoi gesti, e i suoi comportamenti. Questo non vuol dire che dovete diventare degli stalker, pedinando chi vi piace o tempestandolo/a di messaggi e telefonate, ma occorre ricorrere a delle vie di mezzo.

Ci sono persone infatti, che hanno bisogno di un po’ più di tempo prima di prendere una decisione: in questo caso un po’ di insistenza non guasta. Far sentire la propria presenza infatti, può spingere la vostra amata o il vostro amato verso di voi, perché quello di cui ha bisogno è essere spronata/o. In questo caso non statele/gli però sempre con il fiato sul collo, ma anzi fate notare la vostra assenza in modo indurla/o nel contempo a sentire anche la vostra mancanza. Insomma una sorta di tira e molla, l’importante è stare attenti che il tanto tirare non spezzi la corda.

Se però chi vi interessa non risponde subito alle vostre chiamate, ai vostri insistenti messaggi di buongiorno o buonasera, e ogni vostro invito viene declinato con una scusa, in questo caso è giunto il momento di rassegnarvi: questi sono già tutti dei chiari segnali di rifiuto. A dire il vero lo sbaglio in questo caso non è solo vostro, ma anche di chi sta dall’altra parte, che non dando una riposta chiara e concisa, continua ad alimentare false speranze. Alcune volte questo comportamente è simbolo di “gentilezza” derivante da qualcuno che non vuole ferire i sentimenti altrui, in altri casi invece si tratta solo di puro egoismo, perché diciamo la verità, a tutti piace essere corteggiati. In questo caso la soluzione migliore è cambiare il vostro obiettivo, altrimenti rischiate di perdere tempo prezioso in qualcosa di irealizzabile, invece di investirlo in conoscenze più proficue.

E voi siete delle persone insistenti, oppure capite quando è arrivato il momento di dire basta? E come vi comportate con chi non comprende un vostro rifiuto?