Categorie
Tendenze

L’uomo che fa le pulizie ha meno rapporti: sarà vero?

In base ai risultati emersi da un ricerca condotta dal Juan Marc Institute di Madrid, l’uomo che fa le pulizie domestiche renderebbe meno sotto le lenzuola

Siete un uomo tuttofare, che ama fare le pulizie, e tenere tutto in ordine e splendente?

Ebbene se pensate che il sogno di ogni donna sia proprio quello di avere al suo fianco un uomo così, i risultati di una ricerca sembrano sostenere il contrario.

La ricerca in questione è stata condotta dal Juan Marc Institute di Madrid, e pubblicata all’interno della rivista American Sociologican Review: l’istituto ha seguito per 20 anni la vita quotidiana di 4.561 coppie statunitensi.

Prima di iniziare con lo studio, a tutte le coppie che hanno aderito, è stata domandata la media dei loro rapporti mensili: molti hanno risposto di avere 5 incontri sessuali al mese. La percentuale aumentava del’1,6 in tutte quelle coppie in cui l’uomo non aiutava la propria donna nelle faccende domestiche. Secondo i ricercatori quindi, dai risultati sembra che ad emergere sia proprio l’uomo che viene servito dalla propria lei, in quanto dedica più tempo al sesso.

I ricercatori comunque tengono a puntualizzare che il numero di rapporti sessuali avuti tra i coniugi non equivale comunque al grado di soddisfazione del loro matrimonio: una donna infatti che viene aiutata dal marito a svolgere le proprie facende tende ad aumentare il suo grado di felicità. Dividere i compiti inoltre, diventa un buon metodo per diminuire il livello di stress e nervosismo che può sfociare in un rapporto, portando ad inutile litigi, e ad essere nel contempo un antidoto contro il divorzio. Ad ogni modo l’80% delle donne continuano ad occuparsi delle faccende domestiche, mentre gli uomini svolgono quelle attività casalinghe considerate più virili dal gentil sesso, come potare il prato.

Occorre puntualizzare che la ricerca partita nel 1992 è stata fatta su un campione di coppie la cui età era compresa tra i 44 e i 46 anni, di conseguenza secondo Constance Gager, sociologa presso l’Università del New Jersey, i risultati emersi non sono applicabili a coppie più giovani e odierne, soprattutto se consideriamo che oggi gli stereotipi di genere sono stati in gran parte superati. I trentenni di oggi infatti, sarebbero più propensi alla divisione dei compiti: c’è da puntualizzare però che nonostante vi siano tanti uomini che oggi passano tanto tempo in cucina, il numero di quello che si dedica alle pulizie è ancora minore. Forse occorre aspettare ancora qualche anno in più.

Che ne pensate?