Categorie
Tendenze

No, oggi no: ho un mal di testa!

Da una ricerca effettuata dalla Wayne State University di Detroit (Usa) è stato scoperto che il motivo non sarebbe, per così dire, psicologico ma fisico. La “colpa” è tutta della quantità insufficiente di sangue.

E’ proprio questa la frase emblematica per molte donne che vogliono trovare una scusa per non fare l’amore con il proprio partner. Ma cosa nasconde realmente questo rifiuto? E’ lui che fa passare le voglie o c’è dell’altro?

Da una ricerca effettuata dalla Wayne State University di Detroit (Usa) è stato scoperto che il motivo non sarebbe, per così dire, psicologico ma fisico. La “colpa” è tutta della quantità insufficiente di sangue. In effetti sembra che il cervello della donna che fa sesso spesso e volentieri è diverso da quello di chi invece lo evita o ne ha poca voglia. Quindi le cellule cerebrali coinvolte nell’azione della libido non godrebbero dello stesso afflusso di sangue nelle donne con scarsa voglia sessuale. Proprio per questo motivo, dal cervello arrivano dei segnali che generano scarso interesse per il sesso.

L’indagine è stata svolta dal dottor Michael Diamond su un gruppo di 26 donne, di cui 19 con diagnosi di disturbo da desiderio sessuale ipoattivo e 7 con normali pulsioni sessuali. Grazie ad una risonanza magnetica, l’equipe di ricercatori ha potuto scoprire cosa avveniva a livello cerebrale in risposta ad alcune immagini riprodotte sullo schermo. Le donne con normali pulsioni sessuali mostravano un maggiore afflusso di sangue al cervello; invece quelle che dicevano quasi sempre no, non mostravano alcun afflusso particolare. Il dottor Diamond ha affermato: “Essere in grado di identificare i cambiamenti fisiologici, fornisce importanti prove che ci troviamo di fronte a un reale disturbo anziché un costrutto sociale”, conclude Diamond. A dirla tutta, avremmo preferito che il motivo fosse solo legato a questioni psicologiche o di semplice poca, momentanea voglia, perché così le cose forse si complicano di non poco. Pensate che accadrebbe se da oggi in poi, lui, prima di intraprendere una relazione con lei, chiedesse di portare una lastra che attesti un “regolare afflusso di sangue al cervello”.