Categorie
Tendenze

Cos’è che aiuta il desiderio femminile?

Un nuovo studio dell’Università del Michigan ha svelato cos’è che aiuta a stimolare e a mantenere vivo il desiderio nelle donne. Vediamo di cosa si tratta

Calo del desiderio da parte degli uomini?

Niente paura: siamo ormai abituati alla famosa pillolina blu, che può venire sempre in soccorso per riaccendere il fuoco della passione. E per le donne? Anche loro infatti possono essere soggette ad un abbassamento del livello di libido.

Una soluzione a tal proposito non è una pillola rosa, ma potrebbe essere semplicemente dormire un numero di ore adeguato. Ad affermarlo è un nuovo studio dell’Università del Michigan pubblicato all’interno della rivista Journal of Sexual Medicine. Gli studiosi hanno preso in esame 171 donne, delle quali sono state analizzate le abitudini sessuali, stili di vita e il rispetto delle regole inerenti alla cosiddetta igiene del sonno.

Dai risultati dello studio è cosi emerso che ogni ora in più di sonno aumenta la possibilità di attività sessuale con un partner del 14% il giorno successivo: in questo modo si è riscontrata una relazione diretta tra quantità di ore di sonno e il livello di libidine per il giorno dopo.

“L’influenza del sonno sul desiderio sessuale e l’eccitazione ha ricevuto poca attenzione finora – illustra l’autore dello studio, David Kalmbach – ma i risultati indicano che il sonno insufficiente può ridurre il desiderio sessuale e l’eccitazione nelle donne. È importante concederci un numero adeguato di ore di riposo, quelle di cui il nostro fisico e la nostra mente hanno bisogno”.

Ma questo dato non riguarda solo l’universo femminile: l’influenza del sonno sul desiderio conviene infatti anche gli uomini, soprattutto quelli che dormono poco per una settimana o più. Questo è quanto dimostrato da una seconda ricerca, precedentemente condotta dalla Chicago University: lo scarso livello di sonno infatti riduce il desiderio in quanto comporta un abbassamento dei livelli di uno degli ormoni essenziali, ovvero il testosterone.

In conclusione dormite di più e non sottovalutate le ore di sonno in modo da mantenere sempre accesso il fuoco dell’eros. Provare per credere.

Cosa ne pensate dei risultati di questi due studi: li condividete o no?