Categorie
Notizie

Già madre di 13 figli, a 65 anni partorirà 4 gemelli

Una donna tedesca, Anngret Raunigk, è già madre di 13 figli, ma oggi alla veneranda età di 65 anni è in attesa di ben 4 gemelli. Il parto avverrà in estate

Diventare mamma è la più grande emozione che una donna possa provare nella sua vita.

Ora pensate di prendere questa felicità è di moltiplicarla per 13: è quello che ha fatto una signora tedesca, Anngret Raunigk, che oggi si ritrova ad essere madre di 13 figli. Fino a qui tutto sommato nulla di strano, se non che oggi la stessa, alla veneranda età di 65 anni è in attesa di ben 4 gemelli.

Tutto nasce dal desiderio dalla più piccola di casa, la figlia di 9 anni, che ha espresso alla propria madre il desiderio di avere un fratellino più piccolo di cui prendersi cura: adesso invece si troverà con ben quattro nuovi pargoli in giro per casa.

Anngret si è cosi sottoposta a diversi tentativi di inseminazione artificiale all’estero durante l’ultimo anno e mezzo. Di certo però non si sarebbe mai aspettata di restare incinta di quattro gemelli. Come la stessa ha dichiarato durante un’intervista a Rtl: «Quando i medici hanno scoperto che erano ben quattro, ho dovuto per forza fermarmi un momento a pensare», confessando subito di non aver mai preso in considerazione, nemmeno per un istante, l’idea di un possibile aborto parziale per ridurre il numero di embrioni. La donna ha svelato che il parto è atteso per questa estate.

Di fronte ad una storia del genere, è normale che una delle maggiori testate tedesche, il Bild, abbia deciso di dedicare la sua prima pagina a questa berlinese, insegnante di tedesco e di russo in procinto di andare in pensione, il cui primogenito oggi ha 44 anni ed è anche nonna di sette nipoti.

Un precedente caso di gravidanza quadrigemellare in età “avanzata” si era già verificato e apparteneva a Merryl Fudel, che di anni però ne aveva 55. Anngret non è comunque la mamma più anziana: l’indiana Omkari Panwar infatti detiene ancora il record dell’età, avendo partorito a 70 anni.

Qual è il vostro pensiero in merito questa storia? Quali sono le vostre considerazioni sia dal punto di vista delle difficoltà che un parto del genere può comportare, oltre che per la futura crescita dei figli? Sembre considerando, come ha dichiarato la stessa Anngret che questa è “una decisione personale”.