Categorie
Tendenze

Divorzi all’americana: colpa di Facebook?

Secondo una recente ricerca condotta dall’American Academy of Matrimonial Lawyers Facebook è la maggiore causa di separazioni negli USA

Facebook è ormai entrato nelle abitudini di tutti noi ed è attualmente il social network maggiormente utilizzato dalle persone di tutto il mondo. Vecchie e nuove conoscenze si uniscono alla condivisione di momenti più o meno importanti della nostra vita.

Non sempre, però, questa semplificazione estrema dei rapporti e della comunicazione ha delle piacevoli conseguenze: è quello che ha dimostrato l’Ordine degli avvocati matrimonialisti statunitensi (American Academy of Matrimonial Lawyers) in una recente ricerca, che ha indicato Facebook come causa primaria dei divorzi negli Stati Uniti.

Le bugie hanno le gambe corte, ma oggi ancora di più: se fino a qualche tempo fa bastava controllare il colletto della camicia del nostro partner o i messaggi sul suo telefonino per scoprire una relazione extraconiugale, oggi il mezzo più potente per poterla svelare è proprio Facebook, strumento di tentazione e fonte primaria di prove durante un procedimento di divorzio. Foto, video o dichiarazioni equivoche all’interno del profilo personale costituiscono materiale sempre più veritiero ed utilizzato dagli avvocati divorzisti per provare un tradimento. E non c’è da stupirsi se ciò accade anche per ottenere la custodia dei propri figli: così come dichiarato dal presidente dell’Ordine degli avvocati matrimonialisti, Marlene Eskind Moses, tutto ciò che viene reso pubblico all’interno del proprio profilo Facebook può essere spunto fertile per dimostrare l’inaffidabilità di uno dei due coniugi e ottenere quindi l’affidamento dei figli. E voi cosa ne pensate?