Categorie
Consigli

Cosa sapere prima di andare a convivere

Se avete pensato di andare a vivere sotto lo stesso tetto con il vostro partner, allora leggete cosa sarebbe meglio sapere prima di iniziare una convivenza

Avete conosciuto la persona che vi fa battere il cuore e che vi attrae al punto da non poter stare più senza di lei e da voler condividere la stessa casa.

Siete così pronti per intraprendere una convivenza e pensate che sia giunto il momento di mettere su casa con il vostro nuovo partner e di trascorrere la vostra vita da single con lui condividendo lo stesso tetto. Fin qui tutto non fa una piega e sembra procedere liscio e sereno, senza pensare però che ogni spina presenta delle spine e che ogni storia nasconde dietro delle abitudini ben precise che possono destabilizzare il rapporto di coppia.

In certi casi si decide senza riflettere, mentre in altri ci si ferma a pensare se conviene convivere oppure no, entrando nel panico e rischiando di cambiare idea e di mandare al monte tutti i progetti allestiti fino a quel momento. Per contribuire a far andare bene le cose però esiste una soluzione, che dovreste utilizzare in questi casi e che mette luce su determinate cose che sarebbe meglio conoscere prima di fare il passo più lungo della gamba.

Se siete uomini, imparate a comprendere che per le donne non sempre avete ragione e che in molti casi è meglio far silenzio che alimentare un dialogo a senso unico che rischia di sfociare in una lite per nulla costruttiva, ma anzi deleteria per la relazione.

Viceversa, se siete donne, abituatevi ai gesti superficiali che l’uomo compie con molta disinvoltura e che spesso non ammette proprio perché li reputa del tutto naturali.

In generale è importante accettare e rispettare le abitudini e lo stile di vita altrui, senza però abbassare troppo la testa né tantomeno ricercare l’imput per lanciare critiche o per dare consigli. Il rapporto deve fondarsi sulla parità e la convivenza deve essere equilibrata proprio per risultare il più possibile pacifica.

Alcuni spazi e oggetti devono rimanere assolutamente personali, in modo da rispettare le distanze senza limitare l’intimità del rapporto. Ed è similamente fondamentale che si cooperi l’un l’altro sia nelle faccende quotidiane, che nei vari momenti della vita insieme.

Queste regole seppur non ferree e da adattare alle varie circostanze dimostrano che convivere con chi si ama è possibile e che basta solo una sostanziosa dose di buona volontà.

Che esperienze avete in merito la convivenza?