Categorie
Notizie

15 minuti di solitudine al giorno per sentirsi bene con se stessi

Ritagliarsi del tempo per restare da soli, in un tempo determinato nel corso della giornata, ha degli effetti benefici sulla propria persona: lo dice la scienza

La solitudine non ha solo aspetti negativi: passare infatti 15 minuti soli con se stessi nel corso della giornata, può farci sentire in pace con il nostro io interiore.

A metterlo in evidenza è una ricerca guidata dall’Università di Rochester.

Per constatare quanto in effetti questi momenti di solitudine, scelti appositamente, siano positivi, è stato fatto un esperimento in cui sono state coinvolte 114 persone, alle quali è stato chiesto di sedere da sole per 15 minuti, riducendo così il carico emotivo e di interesse suscitato, ad esempio, da 15 minuti di conversazione.

In seguito è stato chiesto loro di compilare un questionario, dal quale è emerso come i partecipanti all’esperimento, nel tempo trascorso da soli, non abbiano provato emozioni negative, come irritabilità o sofferenza.

Un’altra prova ha coinvolto 108 persone, ed ha dimostrato come andando oltre il quarto d’ora, indipendentemente da quello che veniva fatto da soli, in alcuni soggetti iniziava a subentrare una sensazione di solitudine.

Infine è stata condotto un altro esperimento: in questo caso è stato chiesto a 173 persone di trascorrere 15 minuti da soli al giorno per una settimana, non ripetendo lo stesso per altri 7 giorni.

Risultato? È emerso come lo stare soli per un periodo limitato e volutamente aumenti la sensazioni di benessere con se stessi.

Ovviamente tutto ciò è ben altro rispetto all’isolamento sociale, che in base ad ulteriori studi, ha invece effetti negativi sulle persone.

Prendersi 15 minuti per se stessi, volutamente, ha quindi un’azione di decompressione che aiuta anche a metabolizzare bene la giornata.