Categorie
Notizie

“Dogging”, il nuovo modo di avere rapporti occasionali

L’eros evolve con la società, e così oggi si parla di “dogging”, ossia avere dei rapporti sessuali con perfetti sconosciuti in luoghi pubblici, come un parco

Nel tempo abbiamo visto introdurre tanti neologismi legati alla sfera sessuale: ci siamo così abituati al sexting, ovvero lo scambio di messaggi e di foto piccanti.

Oggi invece, con la scusa di portare il proprio fido a passeggio, si parla di dogging. Ma cosa c’entra col sesso? I tempi cambiano, è così per molti diventa eccitante e trasgressivo avere dei rapporti in un luogo pubblico, come ad esempio in un parco, con un perfetto sconosciuto.

Di certo non è una pratica amata da tutti, poiché lo scopo di questi incontri hot è quello di farsi guardare da estranei nel corso del rapporto, per provare un piacere maggiore.

Inoltre il dogging prevede che questi incontri non vengano mai praticati con le stesse persone. Non si tratta però di una regola obbligatoria, poiché nulla vieta di rivedere il partner dell’ultima avventura.

Il dogging inoltre, può essere praticato anche in coppia, così da concedere un diversivo anche al proprio partner. Insomma una versione odierna del gettonato scambio di coppia.

La presenza di un terzo non viene considerata come un incomodo. In questo c’è molto voyeurismo, perché qui guardare e partecipare non viene considerato illecito, anzi.

Si tratta di un fenomeno che non conosce confini e che viene praticato in varie parti del mondo (vedi tutte le varie notizie in merito che si trovano in rete e sulle maggiori testate). Intrigante per alcuni, ma di certo anche pericoloso e illegale (ricordiamoci che si tratta sempre di atti osceni in luogo pubblico) .

La linea tra esibizionismo e trasgressione è sottile.

Tu lo faresti?