Categorie
Consigli

Come gestire la fine di una relazione tossica

Gestire la fine di un rapporto importante non è mai facile, ma mettere fine ad una relazione tossica può essere vantaggioso. Come bisogna comportarsi in questi casi?

Molte relazioni sentimentali creano ansia e insicurezza, si basano su compromessi non sempre vantaggiosi e sono difficili da gestire.

In questi casi si tratta di quelle relazioni tossiche che durano perché uno dei due partner ha una personalità debole, che da priorità alle esigenze dell’altro piuttosto che alle proprie.

Molto spesso queste persone soffrono la paura del rifiuto e dell’abbandono e tendono alla dipendenza emotiva non riuscendo a dimenticare l’amore passato. Una relazione mitiga in loro una ferita interiore, concentrando tutta l’energia sul partner e di conseguenza, al termine della relazione, concentrano tutta la loro attenzione al passato e soffrono la possibile rottura.

In questi casi, gestire la fine di una relazione nociva diventa fondamentale per riprendere in mano le redini della propria vita e riacquistare l’autostima e la fiducia in sè.

Chi decide di lasciare il partner deve imparare ad andare avanti da solo, comprendendo che può farcela anche senza di lui: un aiuto da amici e cari può servire a chiarirgli le idee e a metterlo di fronte alla realtà.

Acquisita maggiore sicurezza in sé, sarà più semplice mettere da parte rimorsi, rancori e delusioni, per dare priorità alle proprie esigenze e a ciò che il cuore comanda: guardarsi attorno e fare nuove amicizie sarà utile per riscoprire quel lato che l’ex partner sottometteva e per vivere ogni giorno con il sorriso e con tanta spensieratezza.