Categorie
Notizie

Picco cognitivo: qual è l’età in cui si raggiunge?

Qual è l’età in cui ogni persona può raggiungere il picco mentale? A scoprirlo è stata una ricerca dell’Università di Monaco che ha osservato le partite di scacchi

Il diverso grado di intelligenza è una caratteristica che distingue un individuo da un altro e che rende certe persone più perspicaci e mentalmente più attive.

Ad un certo punto dell’esistenza umana, però, ogni uomo tende a perdere la sua intelligenza, che si affievolisce dopo aver raggiunto un picco cognitivo.

Stando a una ricerca dell’Università Ludwing Maximiliam di Monaco, pubblicata su Proceedings of the National Academy of Sciences, dai 45 anni in poi il cervello comincia a essere meno brillante e il picco cognitivo viene raggiunto verso i 35 anni.

Gli esperti che hanno osservato oltre 24.000 partite di scacchi professionali hanno dimostrato che questo periodo rappresenta l’età in cui il cervello è più brillante e che certe attività stimolino la mente.

Analizzando più di 1,6 milioni di mosse effettuate nelle competizioni, gli studiosi hanno messo a confronto tutti i passaggi effettuati dai giocatori con quelli suggeriti da un motore virtuale capace di giocare a scacchi e hanno osservato che le prestazioni migliori fossero effettuate da persone dai 20 ai circa 35 anni.

Un dato questo che ha convinto molti a non perdere tempo e a vivere ogni momento come se fosse l’ultimo.