Categorie
Tendenze

Sessualità: i pro e i contro del Covid-19

Affermare che il Covid-19 abbia modificato le abitudini sessuali di molti è corretto; ma considerare questo mutamento del tutto negativo è opinabile: ecco perché

Più volte si è sentito parlare dell’incidenza che il Covid e la pandemia hanno avuto sulla vita di ogni singolo uomo e del cambiamento di abitudini al quale la maggior parte di persone è stata indotta.

Un mutamento che ha interessato anche la sfera sessuale e quella sentimentale, a tal punto da spingere molti a considerare solo gli aspetti negativi dell’avvento dell’emergenza sanitaria.

Sebbene non ci sia dubbio che i sentimenti più comuni sono ansia, stress e paura, colpevoli di ridurre il desiderio sessuale com’è emerso dai risultati di varie ricerche, è vero che il Coronavirus abbia stimolato altri a ricercare il proprio partner e a rivolgergli maggiori attenzioni e coccole.

Questo è un fattore a favore di tutte quelle relazioni e di quei rapporti che in periodo di virus avrebbero potuto interrompersi o compromettersi per la troppa vicinanza e che invece si sono rafforzati proprio grazie ad una maggiore presenza dei partner.

Nonostante siano tante le incertezze e le preoccupazioni che hanno indotto molte coppie a mettere in secondo piano la sessualità, la tendenza a riscoprire il tempo insieme e a coltivare delle passioni con chi si ama è ritornata proprio grazi al lockdown.

In queste situazioni sentimentali non sono mancati i momenti intimi, durante i quali chi ama davvero è riuscito a provare delle emozioni forti da proporre e riproporre alla persona del cuore.

Un altro pro questo a fronte dei numerosi contro che sono stati diffusi sulla sessualità ai tempi del Covid e che hanno inibito anche chi nel sesso crede ancora. È quindi giunto il momento di rifletterci su!