Categorie
Notizie

Un diamante è per sempre… un partner no!

Una donna lascia il proprio partner prima che questo le dia il costoso trilogy, appositamente acquistato per lei

Chi ha detto che, per conquistare il proprio partner, i regali sono l’espediente più adatto? Può accadere, infatti, che il dono ricevuto non sia di gradimento o che il gesto venga frainteso dal destinatario che, invece, preferisce darsela a gambe.

La fuga è stata la scelta, ad esempio, della protagonista di una buffa storia, che ha visto coinvolta una felice coppia di fidanzati. I due, infatti, serenamente insieme, a causa di una brusca lite, hanno interrotto la loro relazione, visto che la ragazza ha deciso di lasciare il partner, dandogli il benservito. Purtroppo, però, quest’ultimo era già pronto a chiederle la mano, mettendole al dito un costosissimo trilogy e seguendo il consiglio del detto “un diamante è per sempre”. L’ironia della sorte ha voluto, invece, che la fidanzata lasciasse l’uomo, prima che questo le avesse dato l’anello, lasciandolo esterrefatto e con qualche soldo in meno.

Ma, visto che “non tutti i mali vengono per nuocere”, dopo l’inattesa conclusione, il protagonista ha deciso di dare in beneficenza il costoso anello, in modo tale da soddisfare dei bisogni realmente necessari. Il valore dell’oggetto, stimato dodicimila euro, ha potuto, infatti, essere utile ai più bisognosi, che, apertamente, hanno gradito il generosissimo gesto.

Al contrario di questi beneficiati, la donna ha trovato il coraggio di rifiutare il dono, che l’ex voleva ugualmente regalarle, sebbene la loro relazione avesse avuto una drastica fine. E dire che l’uomo aveva attinto dai propri risparmi per lasciare qualcosa di duraturo alla donna che sperava potesse stare con lui per tutta la vita e che, invece, non gli ha dato amore eterno.

Quando una relazione finisce, si tende a dimenticare il passato trascorso in coppia e, spesso, si rendono indietro i doni dell’ex e i regali scambiati. Forse, proprio per questo motivo, la protagonista, ha ritenuto idoneo non accettare il costoso trilogy, sebbene fosse a conoscenza del suo valore. Ma è pur vero che non sempre è possibile quantificare il sentimento di rancore e di orgoglio, nemmeno se si confronta con un costo pecuniario così elevato.

Non si dimentichi, comunque, che proprio grazie al rifiuto della donna, molte persone con vere e materiali esigenze hanno trovato uno spiraglio di speranza, donatogli dalla generosità di un uomo dal cuore ferito ma molto grande.

Non dimenticando, dunque, questo gesto altruistico, come giudicate il comportamento della donna?