Categorie
Notizie

Attrazione fra consanguinei: il forte sentimento che lega una figlia al proprio padre

Una ragazza irlandese dichiara di amare così tanto il proprio padre da decidere di avere un figlio con lui

Quando si riceve la notizia di una gravidanza, generalmente, si è soliti essere felici per la coppia e per l’arrivo del nuovo nato. A volte accade però che il lieto annuncio provochi dei dubbi e che lasci senza parole chi ne viene informato.

Di solito, infatti, l’idea di gravidanza si associa alla coppia tradizionale, costituita da un padre e da una madre, capaci insieme di condividere la gioia della nascita. Ancorandosi a questo stereotipo familiare l’opinione comune, quindi, non accetta eventuali anomalie o divergenze. 

Le storie che hanno fatto gridare allo scandalo sono molte ma una in particolare ha suscitato tanto clamore: la gravidanza di Penny Lawrence, una ventottenne irlandese messa incinta dal proprio padre. Anche se, di solito, in casi come questo, si è soliti parlare di abuso sessuale, stavolta la situazione appare differente.

Sembra, infatti, che la ragazza ami così tanto suo padre da voler vivere con lui, instaurando un vero rapporto di coppia. I due hanno così deciso consapevolmente di mettere al mondo un figlio, affermando di essere affetti da GSA, Genetic Sexual Attraction, una sindrome che colpisce i consanguinei che, ritrovandosi dopo tanto tempo, provano una forte attrazione fisica.

Questo è dovuto alla scelta del padre – partner di Penny, Gerry Ryan, che in passato, ha deciso di abbandonare la moglie e la figlia lasciandole nel dolore. Dopo la morte della propria madre, allora, la ragazza ha cercato il padre e, dopo averlo trovato, è rimasta invaghita di lui, tanto da prendere la decisione di affrontare una gravidanza.

Nonostante si gridi all’incesto e anche se con l’opinione pubblica contro, la coppia protagonista rivendica il proprio diritto a stare insieme nonostante tutto, mostrandosi affiatata e serena. I dubbi, però, arrivano puntuali non appena l’attenzione si sposta sul nascituro. A questo punto diverse domande sorgono spontanee, sommesse poi dall’affetto che i due sembrano dimostrare per restare uniti.