Categorie
Notizie

Gravidanza di coppia: uomo si immedesima nella gravidanza della compagna

A causa della sindrome di Couvade, un uomo inglese presenta gli stessi sintomi della moglie in dolce attesa

L’evoluzione della scienza ha apportato cambiamenti sia positivi che negativi alla vita dell’uomo. Ma può succedere anche che un determinato evento, all’apparenza strano, capiti per motivi del tutto naturali.

Così come naturale, anche se insolito, è il caso dell’inglese Mike Dowdall, che ha visto cambiare il proprio aspetto da quando ha saputo che la sua compagna Amanda è incinta. L’uomo, a contatto con la partner, ha assunto le sue stesse sembianze di donna in gravidanza, con annessi cambiamenti e disturbi fisici.

Ciò potrebbe apparire soprannaturale, se non si spiegasse subito che Mike è affetto della “Sindrome di Couvade”, una serie di manifestazioni psicopatologiche legate alla paternità che causano nell’uomo gli stessi sintomi e comportamenti della compagna in dolce attesa. E così aumenta il peso, l’addome gonfia e i livelli ormonali si alterano, provocando nausee e a volte le inaspettate “voglie”. In certi casi, si arriva addirittura ad accusare i disturbi della depressione post-parto. Già il termine “Couvade”, che significa “far nascere”, indica bene l’idea di maternità che viene trasmessa all’uomo e prossimo padre.

Somatizzando quindi la gravidanza di Amanda, Mike ha potuto realmente provare le emozioni materne che solo una donna di solito riscontra grazie all’esclusivo e privilegiato legame biologico tra madre e figlio. Proprio questo è ciò che spesso spinge molti verso il pregiudizio che etichetta il padre come distante dalla gravidanza, senza riflettere che in realtà l’uomo sia il più sensibile nella coppia. Si rivaluti dunque quest’idea e si riprenda in considerazione che anche gli uomini e padri come Mike sono in grado di emozionarsi e di immedesimarsi nella gravidanza.

E poi, non è forse meglio per le donne in gravidanza che il proprio partner comprenda la loro delicata situazione? Buona riflessione!