Categorie
Notizie

Primi amori: scappa di casa per andare dal suo fidanzatino

Una bambina lascia la propria casa per recarsi in quella del suo fidanzatino, senza però avvisare i genitori che, non trovandola, si sono subito allarmati

Cosa c’è di più innocente del primo sentimento che nasce tra due bambini e nei gesti privi di riflessione che esso induce a compiere?

I primi amori, quelli nati per gioco o quelli nati per finta, sono segnati dall’irrazionalità dell’età infantile, non accettata o ben capita dagli adulti troppo impegnati nelle loro faccende. E proprio quando questi sono distratti, i bambini crescono, affrontando da soli le prime emozioni del cuore e qualche colpo di fulmine.

Ciò è quanto è accaduto a Milano ad una bambina di otto anni che, lasciata abilmente la casa nella quale vive, ha percorso ben due chilometri da sola per raggiungere la casa del suo fidanzatino. I genitori della piccola, dopo averla lasciata nella loro abitazione per fare visita alla nonna, si sono preoccupati non trovandola e hanno subito avvertito la polizia che ha iniziato le ricerche per cercarla.  Nel frattempo, la ragazzina, non avendo trovato in casa il suo amichetto, ha deciso di attenderlo davanti al portone, dove è stata notata da un vicino che ha avvertito le autorità. Attraverso le segnalazioni, dunque, la famiglia ha potuto riabbracciare la fanciulla che, ignara del tutto, ha assistito all’arrivo dei suoi genitori che, rasserenati, l’hanno subito stretta a loro.

Il lieto fine appare qui scontato, anche se, osservando bene le dinamiche della vicenda, sembrerebbe che ad essere più responsabile è la bambina piuttosto che i suoi immaturi genitori, che incoscientemente l’hanno lasciata sola in casa. Ma poi, soffermandosi sull’aspetto emozionale, ci si perde tra le righe di un amore nascente e puerile che spinge una ragazzina a raggiungere l’oggetto del suo desiderio ad ogni costo e oltre ogni regola.