Categorie
Tendenze

Tacchi a spillo per gli uomini contro la violenza sulle donne

“Walk a mile in her shoes” è il nome della manifestazione che ha raccolto in America centinaia di uomini sui tacchi femminili contro la violenza sulle donne

A volte le manifestazioni sociali non riescono a sensibilizzare l’opinione pubblica ma altre volte, la loro fantasia arriva a far centro.

Così come ha fatto centro la bizzarra protesta pacifica di un centinaio di uomini, disposti per un giorno a scendere in piazza armai di buon senso e di…tacchi a spillo. Divenute protagoniste per una buona causa, le eleganti scarpe femminili hanno sfilato indossate da piedi maschili per le vie americane, durante la manifestazione “Walk a mile in her shoes”. La protesta è giunta quest’anno alla sua quarta edizione e ha registrato un alto tasso di presenze, che hanno partecipato con lo scopo di raggiungere circa centocinquanta mila dollari per finanziare la campagna “Nastro bianco”, che offre programmi educativi per i giovani sulla prevenzione della violenza.

L’intento è stato quello di sensibilizzare l’opinione pubblica circa il problema della violenza sulle donne, vittime ormai di un sistema errato e poco attento alle loro esigenze. Il progetto ha riscosso successo grazie al “rumore” dei tacchi sbattuti da passi sicuri e intenti a far valere i diritti umani.

La buona volontà da parte di questi uomini ha permesso loro di camminare sui sexy tacchi numero dodici senza lamentarsi ma dimostrando di tenere molto alla causa. Lo stesso Todd Minerson, organizzatore dell’evento, ha affermato che passare un paio d’ore sui tacchi “può aiutare gli uomini a capire cosa fare nella propria vita quotidiana per aiutare le proprie mogli”.

I dati riguardanti la violenza sulle donne purtroppo sono in continuo aumento e questo destabilizza il vivere nella società. Attraverso l’inconsueta iniziativa presentata, di certo, non si elimina il problema alla base ma, almeno, così non si resta fermi a guardarlo da lontano, preferendo invece viverlo dall’interno.

Dunque: un punto a favore per i bravi uomini e uno in meno per gli uomini violenti