Categorie
Consigli

Come evitare di essere ripetitivi nella comunicazione con gli altri

Quando un partner diventa ripetitivo provoca la crisi del rapporto sentimentale, logorato dalla monotonia e dalla noia

L’uomo comunica con gli altri per diversi motivi e in diversi modi, interagendo con il mondo che lo circonda e trasmettendo le sue emozioni. Come in una piccola comunità, nella coppia è fondamentale la comunicazione che favorisce serenità e complicità tra i partner.

Non sempre risulta facile comprendersi, soprattutto se il rapporto sentimentale è già logorato da piccole ma frequenti liti quotidiane che lo rendono instabile e vulnerabile. E se lo stress può rappresentare una delle cause principali di tali crisi, anche la monotonia ha delle colpe da attribuirsi. In una relazione di coppia, l’abitudine e la ripetitività dei gesti porta infatti alla noia e all’allontanamento dei due compagni, ormai fin troppo esausti dall’uniformità della vita sentimentale. I soliti gesti, le solite attività e soprattutto i soliti vocaboli usati per cercare di iniziare un dialogo di coppia sono sintomo di incomunicabilità. E se un partner troppo silenzioso può sembrare distante, allo stesso tempo uno molto logorroico può apparire ripetitivo.

Tale atteggiamento è spinto da un’eccessiva insicurezza personale che invece di stimolare, blocca il soggetto sugli stessi argomenti. Chi parla è stimolato dallo spasmodico desiderio di affermare le proprie idee anche se sono sempre le stesse e dalla difficoltà nel rapportarsi all’altro in modo spontaneo. Questi interlocutori si mostrano sempre pronti al dialogo e fieri della loro esperienza passata, non raggiungendo mai la fine di un discorso che si prolunga tra immensi giri di parole dal significato vuoto. E così il dialogo diventa monologo e chi ascolta è obbligato ad assorbire l’ormai già noto sermone quotidiano.

Per evitare di incorrere in drastiche conseguenze, è fondamentale riflettere prima di parlare, in modo da analizzare ogni singolo pensiero e non utilizzare sempre lo stesso lessico. Piuttosto che di una questione di grammatica, si tratta qui di un problema di comunicazione sterile e poco accattivante, quasi sempre monotona e fastidiosa che mantiene distante il partner, creando fenomeni di intolleranza affettiva. E così l’altro cerca vie di fuga ormai stanco di un compagno troppo assillante. In rapporto al tipo di relazione sentimentale vissuta, si consiglia di provare ad essere sinceri con il proprio ripetitivo partner, in modo da fargli comprendere che, come un disco rotto, ritorna sempre sugli stessi argomenti senza dare la possibilità all’altro di esprimere le proprie emozioni.

Se il rapporto di coppia è realmente basato sul sentimento, qualche critica costruttiva potrà solo fargli bene!