Categorie
Tendenze

Il bacio della “Buona Notte” non va più di moda tra le coppie

Secondo un sondaggio inglese, sono ormai poche le coppie che si scambiano il “bacio della buona notte” prima di addormentarsi

Quante volte si sente il bisogno di giungere subito alla sera per condividere il momento pre-sonno con il proprio partner e pensare al romanticismo che arricchisce quell’istante?

Quando si vive una storia d’amore e si convive con un compagno, durante il giorno capita spesso di proiettare la mente all’ora serale, quando ci si ritrova insieme nel letto e ci si racconta la propria giornata. Soprattutto in momenti di forte stress infatti il ricordo di quel momento aiuta a prendere con ironia la monotona routine quotidiana, principale nemica dei rapporti di coppia. Ma proprio l’arte del romanticismo da sempre ha insegnato ad essere galanti e gentili con chi si ama, consigliando di ricoprire il proprio partner di attenzioni rilassanti e piacevoli e di donargli spesso dimostrazioni di affetto. Il bacio è forse tra questi il gesto più antico ed utilizzato in amore, attraverso il quale ogni amante manifesta all’altro il proprio sentimento, avvicinandosi e trovando un contatto diretto.

E se ancora per molti il bacio rappresenta un simbolo sacro alla coppia soprattutto durante la sera, per altri è piuttosto un segno sdolcinato ormai poco convenzionale nei rapporti moderni. Tra coloro che non credono più alle favole d’amore c’è chi ritiene inadeguato il “bacio della buona notte”, un’abitudine diffusa fino a qualche tempo fa. Sembrerebbe, infatti, che questa usanza non attrae più i partner che nel loro letto preferiscono la lontananza alla vicinanza. Questo è quanto è stato divulgato da uno studio inglese che ha dimostrato la morte del romanticismo pre-riposo notturno, registrando che otto coppie su dieci scelgono di non baciarsi più prima di prendere sonno. Secondo il sondaggio, condotto da una nota catena di hotel inglesi su 2000 coppie, un quarto delle coppie afferma di non sopportare neanche di essere toccato durante il sonno e, proprio per questo,il 54% risponde voltando le spalle al proprio partner, decidendo subito di dormire; il 15% dorme a “cucchiaio”, ovvero uomo che cinge la donna, mostrandosi molto protettivo nei confronti del compagno; il 17% dorme faccia a faccia e infine solo l’1% dorme intimamente sdraiato sul petto del partner, sfiorandolo e cercando un contatto fisico. A venire meno è anche il tipico “ti amo”, caduto ormai in disuso e sostituito dal più generico “ti voglio bene”.

Brutta fine dunque per i romantici che anche se rimasti in pochi manterranno la tradizionale sensualità dell’Amore con la A maiuscola.