Categorie
Notizie

Record di separazioni e di cerimonie civili per le coppie italiane

Gli ultimi dati Istat registrano un aumento delle separazioni e dei riti civili per il matrimonio nelle regioni del Nord Italia

Dando un rapido sguardo alla situazione nazionale, se è vero che il matrimonio è il sogno di molte coppie, perché sono più numerose quelle che preferiscono la separazione?

Anche se l’amore continua a colpire i cuori di molti amanti, cresce sempre più il numero di quelle persone che non vogliono vivere più con il proprio coniuge, scegliendo la via legale del divorzio. Gli ultimi dati raccolti dall’Istituto statistico italiano Istat confermano che tale fenomeno sia in aumento, facendo registrare un picco soprattutto nei paesi del Nord Italia, dove le separazioni sono aumentate del 2,6%. È stato inoltre registrato un record di matrimoni celebrati con funzione civile, con un aumento da 79.000 a 83.000 coppie disposte a congiungersi solo davanti ad un giudice. Sebbene però quest’ultimo dato è in forte crescita, si mantengono ancora alte anche le cifre riguardanti il rito religioso scelto e preferito da 126.000 coppie, a fronte delle iniziali 138.000.

Analizzando infatti più in dettaglio i dati trasmessi dall’Istat, si ha la conferma che sono gli abitanti delle regioni italiane poste più a Nord a preferire il rito civile, con  51,7% rispetto al 48,3% della funzione in chiesa, preferito invece dalle coppie meridionali. Ciò è facilmente spiegabile attraverso la permanenza nelle regioni più a Sud di usanze e tradizioni ancora molto diffuse tra le coppie. Ed è infatti qui che si registra il 76,3% dei matrimoni celebrati con rito religioso, in leggero vantaggio anche rispetto al 50,1% del centro Italia.

Un dato capace di far tirare un respiro di sollievo è invece fornito dalle stime sugli accordi per l’affidamento dei figli. Se infatti divorzi e separazioni sono in aumento, anche il numero di minori per i quali è stabilito l’affido congiunto registra tassi di forte crescita, con l’89,9% in casi di separazione e il 73,8% in quelli di divorzio. In conseguenza a questo incremento, diminuisce il ricorso alla custodia esclusiva alla madre.

A passo con la moda che rende tutto più futile e veloce, anche il matrimonio si è adeguato per riuscire ad attrarre ancora come ai vecchi tempi.