Categorie
Notizie

Per un banale errore una ragazza appare on line senza veli

Una ragazza ventunenne inglese per sbaglio ha postato una foto sul web che ritraeva il riflesso del proprio corpo senza veli

“Errare humanum est” ma a volte può nuocere gravemente alla propria reputazione se non si pone attenzione a ciò che si commette.

E commettere errori nell’era di Internet è sempre più facile e veloce come il web, che in pochi secondi rende pubblico uno sbaglio, mettendo alla mercé di tutti una persona. E così come le notizie più strane riescono a fare il giro del mondo in pochi secondi, anche la foto di una giovane ragazza inglese ha raggiunto i computer di molti naviganti in rete, per un banale errore.

La malcapitata è Aimi Jones, una ventunenne della Gran Bretagna che, per vendere un proprio abito via internet ha scattato una foto dell’abito per mostrarlo agli acquirenti, senza rendersi conto però che nel riflesso dello specchio sull’anta dell’armadio accanto al vestito appeso è apparso anche il suo corpo provvisto solo di un reggiseno nero.  Una volta postata l’immagine su un noto sito di compravendita on line e dopo che un conoscente ha fatto notare alla ragazza lo sbaglio che aveva commesso, Aimi ha subito sostituito la foto con una più adatta. Questo non è bastato però non renderla subito famosa sul web, che ha riproposto il vestito in altri contesti e altre possibili situazioni. In questo modo, senza la violazione di particolari copyright, il prodotto in vendita ha raggiunto il prezzo di 150 sterline a fronte delle iniziali 15,99.

Nonostante il riflesso del corpo femminile infatti ad essere utilizzato in rete è stato il vestito che è diventato subito oggetto di desiderio di numerose fanciulle, attratte da quello che prima dell’accaduto era solo un semplice e consueto abito giallo.

La vicenda è stata da molti reputata uno sbaglio ben architettato dalla giovane protagonista, che in modo indiretto ha avuto la possibilità di fare soldi con il proprio corpo. Popolarità a parte, il banale errore è costata però alla ventunenne inglese la reputazione ormai macchiata indelebilmente dalla velocità delle comunicazioni odierne.