Categorie
Incontri

Amare una Persona, Cosa Significa Realmente?

Amare una persona è un insieme di emozioni molto complesse, che molto spesso vengono confuse con altri sentimenti o con altre sensazioni. Ma come capirle?

Amare una persona: come ci si può rendere conto di amare realmente qualcuno?

Non c’è una risposta precisa a questo particolare quesito, né tanto meno si tratta di una condizione che presenta segni ben visibili o quantificabili.

Quando si dice “ti amo” all’altra persona, in effetti, non si fa altro che una supposizione, che si fonda su sensazioni percepite al momento e che sono estremamente cangianti.

Alcuni aspetti sono però piuttosto certi e condivisi anche da studiosi della materia: amare non vuol dire provare quelle sensazioni adolescenziali tipiche di quell’età, come le famose farfalle nello stomaco oppure il calore che si percepisce quando si incontra una persona. Queste sensazioni, per quanto possano essere presenti anche in un amore “avanti con l’età” sono fondamentalmente causate da un’emozione intensa ma fugace, tipica di un momento di passione.

L’amore vero, quello duraturo e profondo, crea un legame che va molto oltre la sensazione temporanea di calore e di trepidazione: è un sentimento che si dà a piccole dosi, quotidianamente, e fa sì che ogni partner viva un po’ nell’altro.

Amare una persona depressa, ad esempio, vuol dire condividerne il dolore, farsene carico e provare incessantemente, con molte azioni quotidiane, ad alleviarne la sofferenza; Quando si ama una persona depressa non significa affatto fare l’annullamento di sé e la totale immedesimazione nell’altro, perché per amare l’altra persona è necessario mantenere la propria personalità (in caso contrario si ha infatti un amore malsano, non adeguatamente corrisposto). Si traduce, invece, con la continua dedica delle proprie azioni quotidiane al partner, il quale si traduce in uno scopo – o forse nel più importante scopo – della propria vita.

Amare una persona è vivere e condividere con lei momenti ed emozioni. E, soprattutto, è un sentimento che nasce e si costruisce nel tempo, con costanza e impegno, e con la voglia di andare avanti nonostante le mille difficoltà.

Il tema dell’amore, come già accennato in precedenza, è stato a lungo – ed è ancora – argomento di innumerevoli ricerche scientifiche.

In uno dei suoi temi a riguardo, il dottor Robert Epstein, famosissimo e rispettabilissimo psicologo americano, ha affermato amare tanto una persona è un processo lungo, che si può anche apprendere osservando il mondo circostante. Questo, come chiaramente intuibile, è un segno inequivocabile e scientificamente provato che l’amore è un sentimento che può appartenere a tutti, senza eccezioni, e che quindi non esistono in assoluto individui incapaci di amare. La speranza è che questo messaggio arrivi a tutti e li convinca.

Approndiamo l’argomento.

Cosa Significa Amare una Persona

Ma quindi, cosa vuol dire amore e qual è il significato di amare?

Se definire l’amore è complesso, in virtù della sua intangibilità, paradossalmente descrivere cosa vuol dire amare una persona è molto più difficile, nonostante si tratti di un processo composto da azioni ben definite e concrete.

cosa significa amare una persona

Amare significato: come per il quesito precedente, non c’è una risposta precisa: ognuno esprime l’amore nelle forme e con gli strumenti che ritiene più adatti al caso specifico.

È indubbio, però, che ogni forma di amore venga percepita dall’altra persona, quando è reale. Quando un’azione viene compiuta con amore, tra le due persone si instaura una sorta di alchimia assolutamente speciale e unica nel suo genere, non precisamente descrivibile.

Questo accade, ovviamente, per ogni forma di amore. Gli esseri umani sono indotti a pensare che amare una persona significhi esclusivamente provare dei sentimenti nei confronti di un partner con il quale condividere la vita e il letto. Tuttavia, l’amore si esprime in mille forme.

L’amore vero è quello che il figlio esprime nei confronti dei genitori, o ancor di più quello che la madre rivolge ai propri piccoli; non è poi da sottovalutare l’amore fraterno, che crea un legame inscindibile nonostante, con gli anni, si frappongano distanze e impegni a separare gli individui.

Amare significa anche accudirla e prendersene cura quando l’altra non può ricambiare. È sempre opportuno, infatti, che l’amore sia ricambiato, ma vi sono situazioni in cui l’altra persona non ha la capacità di esprimerlo, e questo non può attenuare il sentimento.

Perciò, cosa vuol dire amare veramente una persona?

Amare davvero significa prendersene cura anche quando lei non può; vuol dire anche includerla non solo nella propria vita, ma soprattutto nella lista delle priorità; significa ricercare costantemente un contatto per essa e strumenti per fare in modo che stia bene, anche quando questi scarseggiano.

L’amore verso un partner ha, naturalmente, una piccola marcia in più rappresentata dalla componente passionale e romantica (il romanticismo non va, infatti, confuso con l’amore vero). E in questo caso, amare un coniuge o un compagno di vita vuol dire, appunto, viverci insieme, e condividere i propri spazi e il proprio corpo, creando un legame che è finalizzato a portare piacere e soddisfazione a entrambi.

Quindi qual è il significato della parola amore? In seguito a tutto ciò che è stato detto, forse è possibile formulare una semplicistica quanto efficace affermazione sul significato di amare: Amore significa antipodo dell’egoismo. Amare è condividere, e condividere significa mettere il proprio “ego” in un piano leggermente secondario, a favore dell’altro.

Quando Capisci di Amare una Persona

L’amore fraterno, quello tra mamma e figlio e quello tra parenti o amici di lunga data sono tutte forme note di questo sentimento, forme in merito alle quali non è sempre necessario dedicare troppe attenzioni, poiché solitamente presenti e solide nella vita di ognuno.

quando capisci di amare una persona

È invece necessario prestare attenzione all’amore che si prova nei confronti di un partner, poiché si tratta a tutti gli effetti di una persona estranea che invade la propria vita e le dona un tocco inaspettato.

Quando si capisce di amare realmente una persona?

A questa domanda la scienza dà una risposta, che può essere elencata mediante alcuni punti:

L’amore è molto bello e fa certamente bene al corpo e allo spirito, ma ci sono alcuni dettagli da non trascurare assolutamente, poiché rientrano in una sfera etica e sociale che bisogna rispettare per una convivenza pacifica con tutti.

Capita a molti uomini e a molte donne, ad esempio, di amare una persona sposata: certamente non è possibile rimuovere questo sentimento dalla propria anima, ma se ci si trova in situazioni simili è bene accertarsi di essere ricambiati e di voler realmente costruire una nuova vita – alla luce del sole – insieme. Molto spesso, infatti, quello che si ritiene essere una forma d’amore nei confronti di una persona sposata invece non è altro che desiderio egoistico (e per questo lontano da ogni forma di vero amore), il quale rischia di danneggiare gravemente la solidità della propria vita e di quella di altre persone.

In merito all’amore sono stati scritti trattati e romanzi di migliaia di pagine, nel corso dei secoli: un singolo testo non ha certo la pretesa di risolvere tutti i quesiti che ruotano intorno a questo sentimento di fondamentale importanza. Anzi, è molto probabile che alcuni aspetti dell’amore resteranno per sempre misteriosi, e che non sarà possibile proporre una risposta a tutti i quesiti.

Al contempo, però, l’amore è un sentimento che fa parte della vita di tutti: non si può descrivere efficacemente, ma tutti lo provano. Per conoscere bene l’amore, quindi, il consiglio più giusto è sempre quello di ascoltare se stessi e di agire cercando di conciliare il sentimento con la ragione.

Cosa significa per te amare qualcuno?