Categorie
Consigli

Svelati i Metodi su Come Superare la Timidezza!

È possibile acquisire sicurezza in se stessi? Imparare è facile, basta capire come superare la timidezza

Come Superare La Timidezza e L’Insicurezza?

• La timidezza è un atteggiamento mentale per cui l’individuo non è in grado di rispondere adeguatamente alle varie situazioni sociali, soprattutto quando si presenta l’occasione di avviare e sostenere conversazioni e di instaurare rapporti interpersonali.

Essa può creare notevoli barriere sociali, provocate da un disagio intimo, condizionante sulla la vita del soggetto.

Si tratta di un fenomeno piuttosto comune e molto diffuso, tipico soprattutto alcuni periodi della vita (come l’adolescenza), e che può durare a lungo, diventando un tratto caratteriale.

Un timido teme il giudizio degli altri e, per timore di essere criticato e quindi non accettato, tende a ritirarsi in sé stesso, isolandosi dal contesto sociale.

• L’insicurezza consiste in uno stato emotivo che mette costantemente in dubbio le proprie idee, considerate sempre inadeguate e spesso sbagliate.

Una simile sensazione può collegarsi a eventi destabilizzanti dell’esistenza ( perdite di persone care, fallimenti sentimentali e professionali), ma spesso insorge senza apparenti spiegazioni, come risultato di un insieme di problematiche psico-emotive.

Quando diventa patologico, questo atteggiamento può deteriorare la vita, poiché l’individuo, che non si reputa mai all’altezza delle situazioni, si isola progressivamente, evitando qualsiasi rapporto.

I fattori scatenanti di simili condizioni sono da un lato la scarsa autostima e d’altro lato la mancanza di fiducia nelle proprie potenzialità.

Esistono comunque molti metodi che possono insegnare come superare la timidezza e l’insicurezza e quindi come essere meno timidi, facendo leva su alcuni esercizi psico-fisici.

Innanzi tutto è importante convincersi che si tratta di due sentimenti del tutto naturali, che in alcuni casi possono addirittura rivelarsi vantaggiosi, in quanto stimolano la produzione di neuromediatori (adrenalina e noradrenalina) coinvolti nel potenziamento dello stato d’allerta.

Imparare come non essere timidi significa anche rilassare il corpo, facendo profondi respiri che consentono un aumento dell’ossigenazione dei tessuti e che contrastano lo stress ossidativo, responsabile di ansia e nervosismo.

Chi si pone l’interrogativo:
come faccio a superare la timidezza?
deve focalizzare la mente sul fatto che tutti hanno insicurezze e timori, anche se non sempre tali sensazioni sono evidenti.

Prendendo coscienza di simili certezze, diventa molto più facile affrontare il giudizio altrui, attenuando la fobia di non essere accettati.

Sapere come fare a superare la timidezza presuppone anche la capacità di spostare l’attenzione su “altro da sé”, concentrandosi non più soltanto sulle proprie paure, ma sulle caratteristiche caratteriali di chi si ha di fronte.

Questo esercizio si rivela utilissimo per distrarre la mente e allentare la tensione.

Bisogna saper accettare i propri limiti, disponendosi ad andare incontro a qualche sconfitta o delusione, senza lasciarsi sopraffare dagli eventi.

Imparare a tollerare l’incertezza e il disagio è un presupposto fondamentale per superare la timidezza, dato che non è possibile avere sempre tutto sotto controllo (atteggiamento tipico delle persone insicure).

Se sei un adolescente, allora sicuramente ti sarai chiesto…

Come Superare la Timidezza a Scuola?

L’ambiente scolare rappresenta senza dubbio il primo contesto sociale con cui il bambino viene a contatto e che, considerando l’età ancora immatura, può causare vari problemi.

Come superare la timidezza a scuola

La timidezza non è un difetto, ma un tratto caratteriale che non deve essere criticato, ma accettato e capito. Quindi: come non essere timido a scuola?

Sostenere psicologicamente il proprio bambino è indispensabile per insegnargli come superare la timidezza a scuola: infatti il piccolo deve avere la certezza di non commettere errori, ma al contrario di possedere una grande sensibilità.

Il binomio timidezza-sensibilità è stato sempre considerato caratterizzante da tutte le scuole di pensiero psicologico, dato che soltanto che mostra una profonda empatia con la realtà è in grado di percepire i propri limiti.

Per aiutare un bambino a vincere la timidezza in ambiente scolare bisogna potenziare la sua autostima, lodandolo per i successi ottenuti e puntando sulle sue qualità.

È importante anche sottolineare la sua riservatezza, che lo rende una persona sensibile e affidabile.

Non è mai utile invece porre troppa attenzione alle sue lamentele, ma è più produttivo cercare di incoraggiare le sue iniziative.

Per attenuare la timidezza, il bambino deve disporre dei suoi tempi: la fretta è sempre controproducente.

Bisogna infine evitare accuratamente qualsiasi confronto con i coetanei, magari più sicuri ed estroversi, ma al contrario lodare i comportamenti sociali in ambito scolastico.

Fiducia, incoraggiamento, ottimismo e apprezzamento sono i mezzi più efficaci per aiutare il bambino a vincere la timidezza.

Vuoi sapere anche come superare la timidezza con una ragazza appena conosciuta?

Continua a leggere!

Come Superare la Timidezza Con una Ragazza

Ti starai chiedendo: sono timido con le ragazze, come faccio a superare questo blocco? Per impostare un rapporto sentimentale è importante sapere come superare la timidezza con una ragazza, perché un simile stato d’animo può rappresentare un notevole ostacolo.

Come superare la timidezza con una ragazza

Nel momento in cui si approccia una ragazza bisogna ascoltare le proprie emozioni, senza nessuna censura, dato che i sentimenti costituiscono il principale stimolo ad agire in modo giusto.

Il timore di essere inadeguato deve venire superato proprio puntando sulle potenzialità personali, come la simpatia, la sensibilità, l’empatia, la cultura: ognuno possiede un bagaglio di esperienze che possono migliorare l’autostima.

Non è difficile imparare come superare la timidezza con le ragazze, basta infatti non avere paura di esporsi, dicendo quello che si pensa senza lasciarsi condizionare da altre opinioni.

Evitare il vittimismo, sorridere spesso, impostare un dialogo equilibrato (evitando la logorrea), scherzare con misura (senza fare il buffone), saper ascoltare e intervenire al momento giusto sono altrettanti metodi per vincere la timidezza durante la conoscenza con una ragazza.

E nel caso contrario invece? Vediamo subito…

Come Superare la Timidezza Con un Ragazzo

Di solito le ragazze sono spigliate e spesso sono proprio loro a prendere l’iniziativa per approcciare un ragazzo, ma esiste anche una minoranza femminile timida e insicura.

Non è certo impossibile imparare come superare la timidezza con un ragazzo; è sufficiente innanzi tutto essere sé stesse, mostrandosi per quello che si è, con onestà e sincerità.

Gli atteggiamenti innaturali sono individuabili con facilità e spesso risultano respingenti, soprattutto a inizio-rapporto.

Pertanto è necessario parlare con franchezza, evitando atteggiamenti di autocommiserazione sulla propria insicurezza, ma enfatizzando le proprie qualità (senza esagerare).

Prima di un incontro è sempre utile pianificare gli argomenti da trattare, per non trovarsi a dover improvvisare conversazioni inadeguate: parlare di sé stesse è sempre vantaggioso, a patto di saper ascoltare anche il partner.

La ragazza timida può aiutarsi proponendo una meta interessante, un film appena uscito, un concerto oppure la visita a una mostra, per incominciare la conoscenza senza il timore di dover sostenere la conversazione continuamente.

È molto importante mantenere un contatto visivo col partner e non sfuggire il suo sguardo, per non dare l’impressione di non apprezzarlo.

Bisogna poi porre estrema attenzione al linguaggio del corpo, evitando posture artefatte e legnose (come braccia conserte) che potrebbero comunicare una sensazione di chiusura.

Una mimica facciale rilassata, un atteggiamento assertivo, una propensione all’ascolto sono alcuni presupposti che si rivelano di grande aiuto per vincere la timidezza con i ragazzi.

Spesse volte, anche nella sfera sessuale può insorgere il problema della timidezza.

Analizziamo subito l’argomento.

Sesso e Insicurezza: Come Superare la Timidezza a Letto

Sapere come superare la timidezza a letto può evitare l’insorgenza di problemi piuttosto significativi riguardanti la vita sessuale di una coppia.

Come superare la timidezza a letto

Un simile comportamento può riguardare sia l’uomo sia la donna, poiché la confidenza e la complicità sono atteggiamenti che vengono acquisiti nel tempo e che sono più difficili da raggiungere da parte delle persone timide.

Imparare come sentirsi a proprio agio a letto presuppone un dialogo approfondito e onesto sulle proprie ansie, una condizione non sempre di facile attuazione.

Mai come in questo ambito la sincerità si conferma la base per sviluppare un rapporto appagante; pertanto i timidi devono sforzarsi di aprire il loro cuore e di esporre dubbi e incertezze.

Un confronto interpersonale può aiutare moltissimo la coppia a superare insicurezze e timori, e arrivare alla complicità indispensabile per vivere insieme armoniosamente anche a letto.

Le persone insicure hanno paura di mostrarsi nude, anche se il loro aspetto fisico è ottimo: per evitare simili condizionamenti può essere consigliabile non prendersi troppo sul serio, ma scherzare con garbo.

Allentare le tensioni psico-fisiche, evitare un’eccessiva serietà, alleggerire l’atmosfera sono alcuni suggerimenti che possono rivelarsi vantaggiosi sotto alle lenzuola.

Spesse volte però, la timidezza porta anche a rimanere da soli.

Analizziamo quindi la…

Timidezza e Solitudine: Che Rapporto Hanno?

Timidezza e solitudine sono strettamente collegate tra loro perché chi si sente inadeguato al contesto sociale tende a isolarsi.

Le persone timide e insicure sono tendenzialmente solitarie e, anche se si trovano in compagnia, si ritagliano un angolino tutto per loro, fuori dal gruppo.

Un atteggiamento del genere di solito è motivo di sofferenza perché il soggetto si sente emarginato e di conseguenza si colpevolizza per il proprio carattere.

Per evitare simili disagi è fondamentale sapere come superare la timidezza in presenza di altre persone, per essere in grado di sentirsi parte del gruppo.

Bisogna soprattutto puntare sulle proprie potenzialità, convincendosi che gli altri non sono dei giudici spietati in attesa di emettere condanne senza appello, ma sono invece alleati.

Può essere utile anche ironizzare sui propri limiti, senza prendersi troppo sul serio, dato che chiunque ha pregi e difetti e quindi la solitudine non è certo la soluzione migliore per affrontare le proprie insicurezze.

Realismo, obiettività, ottimismo e disponibilità verso il prossimo sono i supporti più indicati per affrontare la timidezza ed evitare l’isolamento sociale.

Ma vediamo adesso anche…

Come Superare la Timidezza in 5 Step

La timidezza è un’emozione che, in alcune occasioni, può ostacolare. Quando questa prende il sopravvento, la mente innesca dei meccanismi che influiscono negativamente sui comportamenti e sui modi di agire. Fondamentale, quindi, è imparare a gestire le proprie emozioni per prevenire gli effetti negativi.

La prima cosa da fare per superare la timidezza è quella di indagare sulle cause, analizzando in quali situazioni quest’emozione prende il sopravvento. Solo in questo modo è possibile scoprirne le origini e mettersi alla prova nei nuovi incontri.

Essere indifferenti al giudizio altrui: anche se può risultare difficile, bisogna imparare a non dare peso al giudizio degli altri. Nessuno è perfetto, pertanto è importante far risaltare le proprie qualità, anziché i difetti.

Essere meno esigenti: la timidezza non è una colpa e rimarcare l’immagine negativa di sé stessi ha un effetto controproducente.

Accettare la propria timidezza e imparare a conviverci, permette una crescita personale non indifferente. L’obiettivo è quello di trasformare questo difetto in un pregio, ma bisogna procedere gradualmente.

In alcune situazioni potrebbe essere utile scrivere su un foglio tutto ciò che si vuole dire, per chiarirsi meglio le idee e per fare in modo che l’esposizione sia più fluida.

Sapevi però che si può utilizzare la propria timidezza a proprio vantaggio?

Come Utilizzare al Meglio il Proprio Imbarazzo

È proprio vero che in certi momenti della vita l’imbarazzo può sconvolgere i vostri piani e mostrarvi agli altri diversamente da come siete in realtà.

A bloccarvi e a non permettervi di socializzare ed interagire è proprio la timidezza che arriva nel momento sbagliato solo perché pensate che la persona che vi sta davanti possa giudicare inadeguata un vostro gesto o una vostra parola.

Solo dopo, riflettendo, vi rendete conto che in fondo non c’era nulla di cui avere timore e che il vostro interlocutore in realtà non pensava minimamente nulla sul vostro conto o addirittura, che gradiva la vostra presenza. Ed è in questi momenti che vorreste sprofondare, accusandovi di aver perso una buona occasione.

Per prevenire i sintomi della timidezza e non dare sfogo all’imbarazzo, provate a capovolgere la situazione e ad utilizzare queste forti emozioni a vostro vantaggio, trasformandole in un’arma vincente.

– Nei momenti in cui percepite che l’imbarazzo vi sta per assalire, fermatevi un attimo e datevi il giusto tempo per capire come reagire all’evento che state vivendo. Approfittate della situazione per maturare, quasi come se doveste superare una prova, e vedrete che il coraggio arriverà da solo.

– Comprendete che non siete i soli a provare queste forti emozioni e che non siete deboli, ma solo un po’ più sensibili alle critiche altrui. Fatevi un favore allora e amatevi di più, perché un tantino di orgoglio non guasta mai, ma può solo rendere più appetitosa la vostra vita.

– Trasformando la vostra timidezza in arma di seduzione, potrete farvi apprezzare da chi è davvero interessato a voi che non vi lascerà andare via, ma proverà a scoprire la vostra vera identità.

– Siate autoironici e ridete insieme a chi avete di fronte. Vedrete che un momento all’apparenza traumatico si tramuterà in una vera occasione di divertimento e spensieratezza. Grazie all’imbarazzo apparirete più sicuri di quanto vorreste essere realmente, anzi sarete brillanti agli occhi di chi vi osserva.

Non è importante infatti ciò che pensano gli altri, ma quello che provate voi stessi per stare bene e per vivere intensamente la vostra vita.

Ma cosa ne pensano gli esperti di tutto ciò?

Continua a leggere!

Timidezza e Psicologia: Parola agli Esperti

La timidezza non è un difetto, ma uno stato d’animo che può condizionare negativamente l’esistenza.
La psicologia si occupa di simili problematiche e, attraverso percorsi dialogici e comportamentali, può arrivare a risolvere tutte le sue conseguenze.

Timidezza psicologia

Secondo gli esperti, la timidezza è:
“un insieme di emozioni, atteggiamenti, sentimenti e comportamenti che possono diventare un problema di interesse clinico”,
anche se, nella maggior parte dei casi si tratta soltanto di una caratteristica discriminante dell’individuo.

Le cause di tale stato sono le seguenti:
• fattori esogeni (ambientali);
• fattori endogeni (caratteriali);
• fattori di mantenimento (sociali).

Esiste senza dubbio una predisposizione genetica alla timidezza, che dipende dalla famigliarità, ma su essa intervengono cause esterne sia di tipo ambientale sia sociale.

Secondo molte scuole di pensiero, c’é un collegamento anche tra timidezza, insicurezza e apprendimento, dato che è possibile imparare a superare tali stati s’animo.

Per evitare che essi condizionino l’esistenza è necessario lavorare su sé stessi, preferibilmente con il supporto di un esperto del settore, capace di impostare un percorso dialogico corretto ed efficace e di insegnare come superare la timidezza definitivamente.