Categorie
Consigli

Divorzio Breve: Tutto Quello che C’è Da Sapere

Quando un matrimonio è ormai agli sgoccioli, si può incorrere al divorzio breve. Per non rischiare di prendere decisioni affrettate e sbagliate, è importante essere informati sul processo prima che inizi.

Divorzio Breve: Cos’è e Come Funziona

Prima della riforma del 26 maggio 2015, la domanda di divorzio era possibile 3 anni dopo la separazione legale dei coniugi. Oggi i tempi sono estremamente ridotti, si parla dunque del cosiddetto “divorzio breve”.

Cos’è, quindi, il divorzio breve e come funziona?

Attraverso la trattativa assistita da un avvocato, sia in caso di separazione giudiziale che di separazione consensuale, e indipendentemente dalla presenza di figli, è possibile avanzare istanza di divorzio breve.

Il divorzio breve è disponibile:

  • In tribunale, 6 mesi dopo l’accordo di separazione
  • Davanti al sindaco del Comune, senza necessità di assistenza legale, e sei mesi dopo la separazione
  • Il requisito per un divorzio breve davanti al sindaco è che non ci siano figli minorenni o adulti che non siano in grado di mantenersi.

Ma andiamo ancora più a fondo ed analizziamo il…

Divorzio breve Tra Coniugi Stranieri in Italia

Il divorzio in Italia è legato anche ai coniugi stranieri, entrambi residenti in Italia, che però non si sono sposati in Italia, ma si sono sposati all’estero. Al riguardo, il matrimonio e conseguentemente il suo scioglimento sarà soggetto alla giurisdizione italiana.

Tuttavia, in caso di matrimonio celebrato all’estero tra coniugi residenti in Italia, è possibile chiedere la separazione/divorzio in Italia solo previa trascrizione negli atti di stato civile del Comune di appartenenza dei coniugi.

La procedura di trascrizione prevede che l’ufficiale di stato civile straniero rilasci l’atto di matrimonio in originale, dopodiché i coniugi lo trasmettono all’ufficio consolare che a sua volta lo trasmette in Italia per la trascrizione negli atti di stato civile del Comune di riferimento.

Ma quando è entrato il vigore il divorzio breve? Continua a leggere!

Legge ed Entrata in Vigore Del Divorzio Breve

Legge divorzio breve

La Legge n. 898 del 1970 ha introdotto il divorzio in Italia. Per quanto riguarda la legge sul divorzio breve, l’entrata in vigore risale al 26 maggio 2015, quando è stata presentata a tutti gli effetti la formula di legge del divorzio breve (L. 55/2015), consentendo così ai coniugi di porre fine agli effetti civili del matrimonio in tempi più brevi rispetto al passato.

E quindi, ti starai chiedendo…

Come Chiedere il Divorzio Breve

Qualora entrambi i coniugi siano cittadini italiani, i tribunali italiani sono competenti indipendentemente dal fatto che i coniugi risiedano o meno in Italia. La giurisdizione è determinata in base all’ultima residenza comune dei coniugi o del coniuge convenuto.

Vediamo come fare a chiedere il divorzio breve!

Nel divorzio breve la procedura prevede di lasciar trascorrere il termine necessario (6 mesi o 1 anno). Il divorzio può essere presentato di comune accordo o separatamente:

  • Divorzio consensuale: è depositato da entrambi i coniugi. In questo caso, il processo sarà breve e consisterà in un’unica audizione
  • Divorzio giudiziario: è depositato da un solo coniuge. Il processo sarà lungo, poiché entrambi i coniugi dovranno essere ascoltati.

In entrambi i casi, il giudice può disporre un tentativo di mediazione all’inizio del procedimento. La decisione di divorzio determina i termini, come l’affidamento dei figli e gli eventuali alimenti. Questi termini possono sempre essere modificati presentando una nuova istanza per modificare i termini del divorzio.

Una volta emessa la sentenza di divorzio, il vincolo matrimoniale si scioglie. Ciò determina alcuni effetti civili: la moglie deve rinunciare al cognome del marito e le parti possono risposarsi.

Il fattore decisivo per ottenere il divorzio è dimostrare che la comunione spirituale e materiale che un tempo esisteva tra i coniugi è scomparsa e non può più essere ricostruita.

Ma ti starai chiedendo…

Divorzio Breve: Quali Sono i Costi?

Per quanto riguarda i costi del divorzio breve, possono variare in base alla modalità scelta, se consensuale o giudiziaria. Nel caso di divorzio consensuale i costi possono anche non superare i 1000 euro. Nel caso di divorzio giudiziario, invece, si potrebbe arrivare anche a 3000 euro e oltre.

A questo punto, analizziamo anche come si procedere per il…

Divorzio Breve in Comune

Ai sensi del Decreto Legislativo n. 162/2014, è possibile separarsi legalmente o divorziare anche presso gli uffici comunali, purché le parti non abbiano figli minorenni, maggiorenni tutelati, portatori di handicap o a carico.

Divorzio breve in comune

Nel divorzio breve in comune, l’accordo tra le parti non può contenere né disposizioni sul trasferimento di proprietà né imporre obblighi di mantenimento.

Le domande possono essere presentate al comune di residenza di uno dei due coniugi, al comune dove è stato celebrato il matrimonio o dove il matrimonio celebrato all’estero o secondo Riti Canonici è stato trascritto nei Registri Pubblici.

Con sentenza del 19 gennaio 2016, il Tribunale di Milano ha stabilito che la separazione personale o il divorzio per procura è possibile sia presso l’ufficio del comune che presso l’ufficio della cancelleria locale.

E nel caso in cui sono presenti dei figli?

Continua a leggere!

Divorzio Breve Con e Senza Figli: Cosa Cambia?

Con l’entrata in vigore del Decreto Legislativo n. 162/2014, sia le procedure di divorzio breve che quelle ordinarie in Italia sono diventate molto più rapide e semplici.

Infatti, il decreto legislativo sopra richiamato ha introdotto nel procedimento di separazione legale/divorzio la cd ” negoziazione assistita “, in alternativa all’azione giudiziaria.

In particolare, in Italia è stata introdotta la negoziazione assistita al fine di semplificare le procedure di separazione consensuale, nonché di semplificare i requisiti per le istanze congiunte di scioglimento del matrimonio o di cessazione degli effetti civili del matrimonio e per la modifica delle condizioni di divorzio o separazione personale.

La negoziazione assistita implica in primo luogo la sottoscrizione di un patto (e di un accordo tra le parti) . Un’altra possibilità è quella di inviare un invito facoltativo alla trattativa, specificando l’oggetto della contestazione nonché il termine per la replica, con l’avvertenza che il mancato rispetto del termine sarà interpretato come rigetto.

Il patto deve essere in forma scritta (altrimenti decade) e indicare il termine (non inferiore a 30 giorni e non superiore a 3 mesi) entro il quale l’accordo deve essere concluso e sottoscritto da entrambi i coniugi. Deve inoltre includere una dichiarazione di autenticità delle firme dei coniugi da parte dei loro avvocati.

Una volta concluso il patto, è necessario scrivere un accordo, specificando i termini e le condizioni (relativi alla transazione patrimoniale e altre questioni) della separazione legale/divorzio.

Vediamo quindi come funziona il…

Divorzio Breve Senza Figli

Se durante il matrimonio non sono nati figli dalle parti, l’accordo sarà trasmesso al Tribunale dove ha avuto luogo il matrimonio, all’attenzione del Pubblico Ministero della Repubblica. Quest’ultimo, dopo aver verificato la rispondenza dell’accordo a tutti i requisiti sopra elencati, dovrà rilasciare un nulla osta e informare le parti che l’accordo è stato trasmesso al cancelliere competente per essere trascritto sull’atto di matrimonio, così da concludere il processo di divorzio breve senza figli.

Ma che dire invece del…

Divorzio Breve con Figli

Nel caso in cui si tratti di un divorzio breve con figli, il Pubblico Ministero della Repubblica, dopo aver accertato che l’accordo è nell’interesse superiore dei figli, ne autorizza la trasmissione al competente cancelliere. In caso contrario, il Pubblico Ministero della Repubblica trasmetterà l’intesa al Presidente del Tribunale, per la fissazione dell’udienza.

Con l’autorizzazione o l’autorizzazione del Pubblico Ministero della Repubblica, l’accordo acquista la stessa forza ed efficacia di una sentenza del Tribunale.

L’accordo di negoziazione assistita, inoltre, può prevedere anche la cessione di beni immobili o la liquidazione di diritti patrimoniali, che comunque possono essere trascritti in Pubblico Registri solo previa sottoscrizione da parte di un Notaio.

Infine c’è la casistica del divorzio breve con figli minorenni. In questo caso, la giurisdizione italiana tende sempre a tutelare l’interesse dei minori. Per questo motivo, il tribunale molto spesso opta per un affidamento condiviso, relegando quello esclusivo solo a casi particolari.

E nel caso in cui non ci fosse il consenso da parte di uno dei coniugi?

Continua a leggere!

Divorzio Breve Non Consensuale: Come Funziona?

Quando uno dei coniugi non vuole concordare la separazione, si parla di divorzio breve non consensuale: in questo caso la legge italiana attribuisce all’altro coniuge la facoltà di procedere comunque a depositare un atto in Tribunale chiedendo il divorzio breve non consensuale, la “separazione giudiziale”.

DIvorzio breve non consensuale

La separazione giudiziale, infatti, è la procedura di separazione personale tra i coniugi che deve essere eseguita in giudizio in ogni caso quando non vi sia accordo tra i coniugi sui termini e le condizioni della separazione, ovvero quando uno dei due coniugi non non voler concedere la separazione all’altro coniuge.

Dopo il deposito e la notifica del primo atto, i coniugi (unitamente ai rispettivi avvocati) sono convocati dal Tribunale competente (che di norma è quello dell’ultima residenza comune dei coniugi) per assistere in prima persona alla prima udienza davanti al Presidente della Corte. Il Presidente del Tribunale può adottare tutte le misure necessarie e urgenti a favore del coniuge più debole (dal punto di vista economico) e dei figli. Successivamente, il procedimento civile prosegue come un procedimento civile ordinario, che si concluderà con sentenza.

È facile intuire che in questi casi potrebbe essere indispensabile la consulenza legale di un avvocato italiano qualificato specializzato in diritto di famiglia. Molte sono, infatti, le questioni da valutare, non solo personali ed economiche, ma anche relative al procedimento civile che dovrà essere preso in considerazione dal Tribunale per la decisione.

Si raccomanda di farsi consigliare da un avvocato abilitato italiano sia in caso di divorzio o in caso di separazione, sia consensuale che giudiziale.

Infine, vediamo quali sono…

I Vantaggi del Divorzio Breve

Divorziare è una tendenza ormai diffusa e ritenuta così naturale da offrire alla coppia nuove modalità giuridiche di divorzio o di separazione.

Tra queste un successo di numero è stato ottenuto dal cosiddetto “divorzio breve”, che rappresenta una modalità scelta da tante coppie in crisi per la sua semplicità e duttilità.

Seguendo la sua procedura, infatti, molti soggetti che hanno deciso di divorziare hanno evitato inutili incartamenti o complicati documenti, riuscendo a procedere in modo più semplice e veloce.  A conferma di questo successo, i dati italiani registrano più dii 10 mila coppie aderenti a questa nuova modalità di seperazione coniugale.

Secondo la nuova normativa vigente, in assenza di figli e con il consenso di entrambi i partner, queste coppie hanno richiesto e compilato un apposito modulo presso il Comune di appartenenza e, dopo aver versato una somma irrisoria, hanno messo fine al loro matrimonio, senza il benestare dei giudici o la presenza degli avvocati.

In questo modo dirsi addio definitivamente diventa ancora più facile, visto che la procedura è autorizzata dalla legge che sembra restare inerme di fronte alle continue richieste di annullamento del matrimonio per futili motivi.

Anche se i tempi si accorciano, si spera che in futuro siano sempre di meno a fare uso di questa nuova norma e che molte più coppie decidono di restare insieme.