Categorie
Tendenze

Feromoni, Cosa Sono e Come Funzionano nel Gioco dell’Attrazione

Cosa sono i feromoni? E quale ruolo giocano quando si parla di attrazione sessuale? Scopri cosa dicono diversi studi sui feromoni umani in questa nuova guida

Con feromoni si intendono quelle sostanze biochimiche prodotte dalle ghiandole esocrine di esseri viventi che hanno la funzione di inviare, ad altri individui di una stessa specie, stimoli e segnali.

Nel mondo animale i feromoni giocano un ruolo fondamentale nell’attrarre il partner, per ciò che concerne l’uomo invece, i pareri sono ancora discordanti e si dividono tra scettici e coloro che affermano l’esistenza di feromoni umani capaci di spingere verso l’altro sesso.

Ma scendiamo nel dettaglio: vediamo come sono i feromoni umani e quale funzione esercitano a livello di rapporti.

Iniziamo.

Cosa Sono i Feromoni

A differenza degli ormoni, da considerare sostanze endogene che agiscono internamente all’organismo che li produce, i feromoni vengono chiamati ecto-ormoni, vengono cioè liberati esternamente, attraverso saliva, urina o sudore, e influenzano il comportamento di altri esseri della stessa specie, che captano tali segnali del profumo della pelle per mezzo dell’olfatto.

cosa sono i feromoni

Sono stati suddivisi in quattro grandi categorie in base all’effetto che provocano negli altri individui:

Sono perciò molte le funzioni dei feromoni: essi rappresentano un vero e proprio linguaggio silenzioso, un mezzo di comunicazione all’interno delle diverse specie che compongono il regno animale. È negli animali infatti che queste sostanze chimiche svolgono un ruolo importante, ampiamente dimostrato scientificamente.

L’organo olfattivo, composto da due condotti che attraversano la parte superiore del palato, è l’elemento che letteralmente respira e annusa il significato dei feromoni. Queste sostanze, utili in veterinaria, sono state ricreate chimicamente per indurre determinati comportamenti come stimolare l’accoppiamento, sedare l’ansia o attirare insetti pericolosi in apposite trappole.

Chiarita la definizione di feromone e appurata la strategica importanza di tali sostanze nel mondo animale, resta da chiedersi se anche i feromoni umani ricoprono le stesse funzioni.

Le informazioni al riguardo sono ancora molto frammentarie, malgrado una lunga tradizione di studi in materia.

Continua a leggere per saperne di più.

Feromoni Umani

Il primo grande distinguo che intercorre tra esseri umani e animali è che il primo, a differenza del secondo, è dotato di intelligenza, la quale limita fortemente il campo di azione dei feromoni.

feromoni umani

Le persone agiscono e si comportano in base all’esperienza e al contesto e non certo per i segnali inviati dai feromoni, che in ogni caso sono presenti anche negli essere umani.

Un’altra differenza importante è che, soprattutto nell’uomo adulto, gli odori sono sanciti dalla cultura e dall’esperienza. Per un bambino piccolo non esistono buoni e cattivi odori, ma solo fragranze da scoprire e che suscitano curiosità. È poi l’educazione e la crescita che fa imparare e distinguere i buoni odori da quelli cattivi, oltre naturalmente alla capacità olfattiva che invece resta un elemento molto soggettivo.

Per questi motivi resta difficile identificare nell’uomo quali sostanze agiscano da feromoni e in che modo influenzino il suo comportamento. È certo che la loro efficacia abbia una portata più limitata rispetto agli animali perché l’uomo ne produce una quantità decisamente minore e soprattutto perché non possiede le stesse capacità olfattive proprie del mondo animale.

In particolare sembra che l’azione di queste sostanze, nell’uomo, resti circoscritta alla sola sfera che riguarda i feromoni sessuali.

I Feromoni e il loro Richiamo Irresistibile

Nell’era dell’intelligenza artificiale e della tecnologia all’avanguardia pare quindi che i propri istinti siano comandati da antichi segnali di tipo chimico, spesso però coperti dall’uso di saponi e profumi.

i feromoni e il loro richiamo irresistibile

Una ricerca eseguita dal Dipartimento di Neuroscienze dell’università di Chieti e Pescara ha dimostrato che nel naso di una donna sia presente un recettore sensibile al feromone maschile. Come un interruttore tale recettore può accendere o spegnere il sistema limbico, deputato al controllo del rilascio degli ormoni sessuali.

L’attrazione non è quindi solo una questione di estetica, ma anche di odori che determinano risposte comportamentali e fisiologiche.

Un contatto fisico che non dipende perciò soltanto da preferenze, gusti e affinità, ma trasforma l’uomo in un essere apparentemente molto più simile agli animali, o più simile di quanto l’uomo stesso voglia ammettere.

Benché la capacità olfattiva nell’essere umano sia minore rispetto agli animali, ciò non significa essere completamente assente. Al contrario è un’eredità genetica che si manifesta fin nei primi mesi di vita e dimostrata dalla reazione dei neonati ai quali vengono sottoposti odori diversi da annusare.

Quante volte sarà capitato di chiedersi: gli piace il mio profumo?

È proprio da questa innata capacità dell’uomo che nasce l’esigenza di prestare attenzione al proprio odore.

Diversi studi degli degli anni ’70 e ’80 hanno dimostrato che i feromoni femminili o feromoni maschili prodotti da altre persone hanno degli effetti su chi li capta che si chiamano prime effect, dalla sincronizzazione del ciclo mestruale alla regolarizzazione dello stesso, fino all’ingresso nell’età della pubertà.

Uno dei feromoni da sempre più ricercato è quello che influenza l’attrazione sessuale.

Quel particolare odore che fa risultare irresistibile un soggetto. È la ghiandola che si chiama apocrina a produrre gli odori: queste ghiandole sono presenti sul cuoio capelluto, sotto le ascelle, intorno ai capezzoli e sui genitali e rilasciano secrezioni, se stimolate da input sessuali, emozionali o legati allo stress.

Tra uomini e donne, sebbene entrambi i soggetti producano le stesse molecole dell’odore, cambiano molto le proporzioni e l’elevata complessità di questo sistema produttivo fa sì che ogni individuo abbia un odore unico e indistinguibile. È questo stesso sofisticato sistema fatto di varianti individuali, date dall’età, dall’attività sessuale, dalla salute, e influenze che derivano da fattori psicologici che rendono quasi impossibile una ricerca sul tema che dia risultati assoluti e certi.

Malgrado questa incertezza di fondo e un costante dibattito ancora aperto e non destinato a chiudersi, sono molti i grandi brand del settore dei profumi che hanno dato vita a fragranze a base di queste sostanze chimiche, perché a quanto pare i poteri dei feromoni funzionano eccome come richiamo sessuale.

Vediamolo nel prossimo capitolo.

Profumo ai Feromoni: Marketing o Verità?

Sebbene non esistano vere e inconfutabili prove scientifiche in materia di feromoni umani e del loro ruolo sessuale, sembra che il profumo ai feromoni funziona.

profumo ai fermoni

Non a caso il mercato del profumo ha creato con questo prodotto un vero e proprio business, un richiamo forte al quale non è possibile resistere.

Tali spray promettono di aumentare fra le persone l’attrazione sessuale, svolgendo in pratica la stessa funzione dei feromoni.

I grandi marchi della moda si sono buttati a capofitto nella nuova tendenza dei profumi con feromoni, che fondano il loro successo su queste molecole che, percepite dall’altro sesso, hanno la capacità di risvegliare e amplificare il desiderio.

Il feromone è in realtà inodore, ma i profumi ai feromoni migliori coniugano, alla funzione di quest’ultimo, fragranze speciali che ne aumentano l’effetto e i risultati.

I due elementi lavorano su livelli completamente diversi, da un lato la risposta chimica innescata dal feromone, dall’altro il particolare profumo che rende più piacevoli e attraenti.

Se il fenomeno sia solo una questione di marketing o rappresenti al contrario un richiamo sessuale irresistibile è un dubbio al quale non può essere data risposta chiara e scientifica, ma il fatto che sempre più uomini e donne ricorrino a tale espediente significa che il profumo ai feromoni funziona davvero.

Uno studio conferma quest’ultima tesi: sorelle e fratelli gemelli hanno preso parte a un test nel quale solo a uno dei due veniva spruzzato il profumo ai feromoni e i risultati hanno confermato come fosse proprio il soggetto con il profumo a risultare più desiderato e ricercato.

Non resta che verificare la veridicità di tali esperimenti e provare sulla propria pelle un vero profumo ai feromoni.

Qual è il tuo pensiero in merito a questo argomento? Scrivilo in un commento.