La Coppia che funziona

La Coppia che funziona: In un rapporto di coppia per noi insoddisfacente, la separazione dal partner è davvero la soluzione migliore per ricominciare a vivere? Scopriamone di più con il libro di questa settimana.

Quando non siamo soddisfatti del rapporto di coppia che stiamo vivendo, dopo un’attenta analisi siamo portati a credere che la separazione o il divorzio dal partner sia la soluzione migliore e soprattutto quella che può permetterci di aprirci nuovamente alla vita e, con il tempo, ad una nuova relazione sentimentale. Niente di più sbagliato, suggerisce l’autrice del libro che vi proponiamo questa settimana la quale, dall’alto della sua esperienza di consulente di coppia, dona degli utili consigli mirati a farci comprendere una verità fondamentale: per far funzionare una relazione è necessario vivere il rapporto di coppia come opportunità per la propria crescita personale. Lontani da questa visione, anche le successive relazioni potrebbero tramutarsi in un disastro. Scopriamone di più.

Hai un legame stabile con una persona ma non sei soddisfatta/o? Sei ad un passo dal divorzio e stai vivendo il classico triangolo? Appartieni alla categoria di quelli che si sentono svuotati dentro? Oppure a quelli che si sentono stressati dal mondo esterno? Questo libro ti può interessare!

La maggior parte dei divorzi è inutile! Con questa affermazione provocatoria ma al tempo stesso incoraggiante, questo libro è diventato in Germania un vero best-seller.

Grazie alla sua esperienza di consulente per la coppia, l’autrice ha conoscenza diretta della “Guerra dei Roses” che spesso si scatena tra i partner, e fa tabula rasa delle aspettative secondo cui “la prossima volta, andrà meglio”: la prossima volta, se non si vive il rapporto di coppia come un mezzo per la propria crescita personale, si ripresenteranno puntualmente i medesimi problemi di relazione.

Il rapporto di coppia, secondo l’autrice, è un cammino che richiede sì un grande impegno, ma che vale veramente la pena di essere intrapreso. Prendendo spunto da numerosi esempi tratti dalla sua vita professionale, Zurhorst spiega da cosa dipende se, dopo la felicità iniziale, non restano che delusione, rabbia e frustrazioni. E racconta come un rapporto d’amore, profondo e duraturo è possibile anche laddove forse si era già persa la speranza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.