Distacchi

Distacchi: Nel libro della settimana gli affetti, le illusioni, i legami e i sogni impossibili a cui tutti noi dobbiamo rinunciare per crescere

Quando ci separiamo dalla persona amata, non è sempre facile recuperare la propria vita e ricostruire la propria identità. Ciò accade poiché dietro a ciò che noi pensiamo essere semplicemente la fine di una storia si cela l’abbandono di parte dei nostri desideri e delle nostre aspirazioni. Il percorso che ci conduce alla maturità e alla possibilità di affrontare in modo consapevole un rapporto sentimentale è spesso contraddistinto da ostacoli che, se affrontati nel modo giusto, ci aiutano a rendere più forti e consapevoli i nostri sogni e a costruire la vita così come la vogliamo. Scopriamo nel libro che vi proponiamo questa settimana le mille sfaccettature del distacco sentimentale.

Long-seller internazionale, “Distacchi” è una felice sintesi di psicoanalisi, letteratura ed esperienza personale e professionale dell’autrice, la quale sa indicare con chiarezza e sensibilità gli strappi dolorosi ma necessari che dobbiamo affrontare per poter crescere e confrontarci con la realtà.

Quando pensiamo al distacco intendiamo in genere la perdita di una persona amata. In realtà il tema è assai più vasto e complesso e coinvolge l’intero corso della nostra vita. Perché la perdita non avviene solo attraverso l’abbandono, ma pure rinunciando ai sogni romantici, alle aspirazioni impossibili che investono tutti i rapporti umani, o vedendo trasformarsi, con il passare degli anni, il nostro io giovanile e le sue pretese di invulnerabilità.

Il distacco dal corpo della madre al momento della nascita segna il primo legame che si spezza, però anche l’infanzia con le sue sicurezze e l’adolescenza con le sue illusioni rappresentano altrettante tappe da percorrere e superare nel cammino che conduce alla piena maturità dell’essere umano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.