Gelosia Retroattiva Maschile

Gelosia Retroattiva Maschile: Come si cura la gelosia retroattiva negli uomini? Scopritelo nel libro di questa settimana

L’immagine della donna nella storia si è parecchio evoluta, da angelo del focolare tutta dedita alla casa ed alla famiglia, rigorosamente monogama e priva di qualsivoglia iniziativa, negli ultimi quaranta, cinquanta anni è stata drasticamente rimpiazzata dall’immagine di una donna forte, volitiva, indipendente e libera anche e soprattutto sessualmente. I nomi più disparati e le etichette più fantasiose sono state attribuite alle donne che adesso dicono liberamente il numero di partner che hanno avuto nella loro vita, gli uomini e l’idea che essi hanno delle donne in alcuni casi non è mutata, questo ha generato una serie di disturbi, talvolta ossessivi come quello della gelosia nei confronti delle conquiste che la propria partner confessa di aver avuto nel suo passato; queste fanno sentire l’uomo minacciato, e creano in lui del disagio. Il testo che abbiamo scelto per voi questa settimana, si propone di dare ai lettori gli strumenti per riconoscerla, accettarla ed infine combatterla.

Il tema della gelosia retroattiva sta prepotentemente guadagnando terreno nello scenario dei nuovi disturbi dell’affettività. La libertà sessuale, che caratterizza la società contemporanea, genera nuovi equilibri emotivi e dinamiche emozionali prima sconosciute. Il rifiuto nei confronti dei partner sessuali del passato rappresenta un nuovo disagio della coppia.

Lo scenario occidentale, sopratutto dagli anni settanta in poi, alimenta un’idea di maturazione individuale attraverso l’accumulo di esperienze erotiche. Una percentuale consistente di uomini soffre questo disagio perché ancora legata a un modello femminile rassicurante, con particolare riferimento alla sfera della sessualità. Il confronto con gli amanti del passato produce insicurezza, le esperienze pregresse della propria compagna alimentano il risentimento. Questo malessere di tipo ossessivo incide in modo drammatico sulla qualità della vita e mette in crisi l’equilibrio della relazione.

Le terapie psicologiche sono ancora improntate sull’indagine delle cause e sull’emersione delle sorgenti inconsce del problema. Invece non è stato ancora proposto un percorso di evoluzione affettivo-emozionale atto a fornire strumenti efficaci di gestione e controllo.

Questo manuale di auto-aiuto individua gli atteggiamenti tipici del geloso retroattivo e propone un processo di cambiamento. Attraverso riflessioni sui pensieri polarizzati e l’analisi dei percorsi che producono le visualizzazioni, il problema viene delimitato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.