Donne che legano uomini. Quando gli uomini diventano vittime e le donne carnefici

Donne che legano uomini. Quando gli uomini diventano vittime e le donne carnefici: All’interno del libro che vi proponiamo questa settimana un’analisi del rapporto uomo-donna dalla prospettiva femminile, sempre più protesa verso la ricerca del benessere economico.

Nella società di oggi i valori più diffusi sembrano essere divenuti l’ostentazione, il culto dell’apparenza, la cura impeccabile del proprio corpo. Ciò è forse ancora più evidente se concentriamo la nostra attenzione sull’universo femminile e sulle scelte affettive che esso compie per “assicurarsi” un tenore di vita particolarmente soddisfacente, lasciando da parte la cura della famiglia, dei sentimenti e degli affetti. Ecco la prospettiva dalla quale l’autore del testo che vi proponiamo questa settimana analizza il rapporto uomo-donna nella società di oggi. Due mondi a confronto per una riflessione profonda.

Dopo “Gli uomini che sfigati, le donne che stronze”, Manuel M. torna con le sue analisi al vetriolo sui rapporti tra i due sessi. In “Donne che legano uomini” l’autore mette a nudo lo spaccato femminile fatto di apparenza legata alla moda, alla chirurgia estetica, agli psicofarmaci. Come nel precedente pamphlet, anche qui la donna esce devastata, non tanto dagli interventi di chirurgia estetica, ma per i non-valori che rincorre: soldi, ancora soldi e solamente soldi. L’obiettivo è un imprenditore-milionario che assicuri il mantenimento e la capacità di fare shopping a livelli elevati (le borse Birkin e Kelly di Hermes – straordinari nascondigli per lo Xanax – le scarpe di Laboutin o Jimmy Choo, e così via). Un viaggio attraverso la trasvalutazione di valori dove etica, cultura, affetti, amore, famiglia, vengono sacrificati spietatamente sull’altare della disponibilità economica, scambiata per benessere, come strumento di affermazione sociale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.