Categorie
Incontri

Paura di Amare, 3 Fondamentali Step per Individuarla e Superarla

Come si sviluppa la paura di amare: è possibile riconoscere i sintomi? Esiste una cura per la filofobia? Scoprilo all’interno di questa nuova e dettagliata guida

Nota anche come filofobia, la paura di amare è il timore di aprirsi alle emozioni più profonde e di dimostrare i propri sentimenti.

Questo stato, in un’ottica di lungo periodo, purtroppo, finisce inevitabilmente per condizionare la vita, impedendo di fatto sia la costruzione di relazioni stabili e durature che di legami affettivi intimi.

Qual’è il significato di filofobia? 

Filofobia è un termine che deriva dal greco antico: philos sta per amore e fobia per paura. Da ciò, paura di amare.

Ad essere maggiormente coinvolti in questo tentativo di difendersi dall’amore sono prevalentemente gli uomini.

Numerosi studi condotti da sessuologi e psicoterapeuti evidenziano come è proprio il sesso forte quello che si innamora con più difficoltà. Nel momento in cui scocca la fatidica scintilla, l’uomo che ha paura di amare, pur considerando in linea teorica la donna come fondamentale per il prosieguo della sua vita, chiude il suo cuore, dimostrando tutto il suo timore per l’inizio di una relazione.

Ma esaminiamo nel dettaglio cosa vuol dire avere paura di amare, quali possono essere le cause e come si può superare.

Paura di Amare in Psicologia

Molti vivono nell’eterno terrore che la persona del cuore, a lungo rincorsa e per tanto tempo amata, d’un tratto finisca per perdere interesse, lasciandoli senza spiegazioni sufficienti. Tutto ciò comporta svariate difficoltà nell’esprimersi in maniera chiara e diretta, portandoli a vivere le loro giornate con l’intento di evitare ogni sorta di conflitto.

paura di amare in psicologia

Ho paura di amare!

Quante volte è capitato di ripeterlo davanti ad uno specchio, ma mai guardando negli occhi la propria metà. Prediligere la comunicazione al telefono, evitando il confronto diretto, perché giudicato eccessivamente scomodo, non fa altro che complicare la relazione.

E così, si finisce con lasciare e con la fuga, per paura del rifiuto. Si manda tutto all’aria, perché preferisce scaricare invece che essere scaricati. Prendere le giuste distanze da una situazione particolarmente stressante, specie in termini emotivi, rappresenta per queste persone l’unica ancora di salvezza, essenziale per ritrovare la calma persa.

Quando l’Uomo ha Paura di Amare

Tante donne hanno a che fare con uomini che hanno paura di amare.

Mi evita per paura di innamorarsi”. Questo è il leitmotiv che molte donne ripetono innumerevoli volte, nel momento in cui si accorgono che l’uomo per cui nutrono un certo interesse, pur essendo potenzialmente interessato a loro, si allontana per paura.

Di fobie che comportano l’impossibilità di impegnarsi seriamente in una relazione sentimentale ce ne sono diverse. Quasi tutte risultano radicate nell’infanzia o ancora nell’adolescenza. Denominatore comune è che celano una paura di soffrire, difficilmente gestibile.

Tutti gli uomini che non sono stati in grado di risolvere questi problemi che si trascinano dietro, finiranno per ripetere innumerevoli volte gli stessi errori nei rapporti sentimentali con le donne.

Risultato?

La condanna ad una tipologia di amore che resterà sempre in superficie, senza mai entrare in profondità. Ecco perché le donne finiscono per credere che l’uomo abbia paura. D’altronde, sapere come comportarsi con un filofobico non è semplice e solo con una comprensione specifica della sua mente, ci si potrà muovere meglio a fronte di questa problematica.

Tirando le somme, quindi, da un lato ci sono uomini che restano sempre impantanati nei problemi, mentre dall’altro ci sono uomini che lavorano sui loro errori, migliorando la loro personalità. Solo questi ultimi crescono e si liberano dalla paura di impegnarsi.

Alla donna può essere utile sin da subito comprendere la categoria di appartenenza dell’uomo per cui hanno forte interesse. In questo caso, si risparmiano tempo e fatica, perché se si vuole iniziare una storia seria con un filofobico, sarà essenziale essere da supporto nell’ottica di un percorso di crescita da vivere insieme.

Filofobia Sintomi

Quali sono i sintomi della paura di amare? E perché avere paura di innamorarsi troppo, a lungo andare può essere un problema?

Filofobia Sintomi

La causa principale della paura di legarsi a qualcuno, nell’ottica di una relazione sentimentale seria, risiede prevalentemente nella mancanza di fiducia nel partner.

Alla base di questo timore, infatti, vi è la credenza di essere strettamente dipendenti dal partner.

Qual è la conclusione?

Il rischio di perdere, completamente o a tratti, il controllo sulla propria esistenza. Per molti, tra le principali cause della filofobia vi è anche il timore di essere lasciati o traditi.

Vi sono tanti soggetti, di entrambi i sessi, che hanno paura di mostrare tutti i loro sentimenti, perché sono perfettamente consapevoli che questi ultimi non sono controllabili, né tanto meno razionalizzabili. Molti uomini, specie coloro che hanno un livello culturale ampiamente superiore alla media, credono erroneamente di poter gestire tutto al meglio. Nel momento, però, in cui si innamorano, si ritrovano in forte difficoltà, perché devono rinunciare all’idea di essere in grado di tenere tutto sotto controllo.

Il dipendere emotivamente dall’altra è una cosa che a tante persone proprio non va giù. Trattasi di un rischio che non intendono correre. D’altronde, va considerato che l’innamoramento comporta in un certo senso una perdita di controllo ed è un salto nel vuoto, perché ci si affida all’altra metà.

Nel momento in cui si ha l’abitudine di controllare tutto, la minaccia potenziale di una sofferenza viene vissuta davvero male. Ed è proprio per questo motivo che alcuni individui finiscono per allontanarsi, quando in realtà sarebbe molto più semplice avvicinarsi, vivendo la relazione al meglio, semplicemente lasciandosi andare.

Quindi, chi ha paura di amare, può vedere l’innamoramento come una vera e propria debolezza o più precisamente come un potenziale pericolo che renderebbe la propria vita vulnerabile. Insomma, ciò che accade è in sostanza l’esatto opposto di quello che di norma dovrebbe accadere in un rapporto sentimentale: ci si sente piuttosto fragili e insicuri vicino al partner.

A fronte di sentimenti troppo forti, la filofobia può prendere il sopravvento, rendendo la vita dell’uomo insicura. Insomma, trattasi di un sentimento che quando prende il sopravvento, non molla l’uomo. Venirne a capo può essere a questo punto un processo lungo e faticoso, dove non di rado si richiede l’intervento di uno specialista.

Come Superare la Paura di Amare?

Nel momento in cui un soggetto soffre di filofobia, non riesce ad instaurare una relazione di coppia.

come superare la paura di amare

Anzi, il legame sentimentale viene considerato come una prigione da cui evadere il prima possibile. Molte donne, specie quelle seriamente innamorate, commettono l’errore di posticipare la ricerca di una soluzione. Una cura per la filofobia vera e propria non esiste. Tuttavia, credere che prima o poi l’uomo che ha paura di amare possa cedere e, di conseguenza, cambiare, è un errore da evitare a tutti i costi.

Come aiutare chi ha paura di amare?

Ecco alcuni consigli utili relativamente utili a come comportarsi con un filofobico:

  • Mai tuffarsi a capofitto in una relazione. Vivere il rapporto sentimentale in maniera totalizzante, specie nella fase iniziale, è un errore da evitare, soprattutto nel momento in cui l’uomo manifesta palesi difficoltà a legarsi in un rapporto amoroso.
  • Non mostrare mai troppo attaccamento. Dimostrarsi troppo attaccate ed attente nella relazione, specie in fase iniziale, è un errore da evitare tassativamente. Il rapporto, infatti, finirebbe inevitabilmente per logorarsi subito e l’uomo che ha paura di amare chiuderebbe il suo cuore, fuggendo.
  • Ognuno deve avere i propri spazi. L’uomo e la donna, quando iniziano una relazione, devono sempre ritagliarsi degli spazi tutti per loro. In queste occasioni, ognuno avrebbe il tempo necessario per coltivare i suoi interessi e i suoi passatempi e il rapporto non verrebbe vissuto in modo totalizzante.
  • Mostrarsi per ciò che si è. Mai nascondere i propri difetti: il partner deve capire chi ha al suo fianco e valutare se vi sono i presupposti, affinché la relazione prosegua o, se al contrario, è il caso di interrompere il rapporto, perché l’uno non fa per l’altra.
  • Distacco apparente. La migliore cura per la filofobia, specie in fase iniziale, ruota tutta attorno al fingere un distacco apparente. Se lui ha timore nel legarsi, evitare di dedicargli troppo tempo e la massima attenzione, può rivelarsi una mossa vincente.
  • L’importanza nel confronto. Il tema “paura di amare” va affrontato subito. Ed in modo chiaro. Prenderlo sotto gamba, concentrandosi solo sulle cose che vanno nel rapporto di coppia e lasciar correre sulle cose che invece non vanno è un errore madornale. Il confronto a 360 gradi è sempre utile. Capire le motivazioni di un timore, a volte anche forte, nel legarsi, magari a seguito di delusioni pregresse, è fondamentale, affinché la storia si incanali sui binari giusti. In questo modo, vi sono maggiori probabilità di far durare la relazione.
  • Non essere possessive. A fronte di uomini che evitano le donne per paura di innamorarsi, sono in molte a commettere l’errore di essere possessive e quasi materne. Mai utilizzare l’atteggiamento in questione, perché le complicazioni aumenterebbero.
  • L’ironia è un’arma vincente. Delle persone ironiche, in genere, ci si innamora più facilmente. A volte, senza nemmeno accorgersene. Perciò, usare l’ironia in maniera fine, senza essere troppo provocatorie, potrebbe aggirare le barriere dell’uomo, facendolo innamorare, quasi inconsapevolmente.
  • Vivere con leggerezza. Mai avere aspettative troppo alte, a fronte dell’inizio di una storia con un uomo, ancor più se filofobico. Viverla con leggerezza è il modo migliore per proseguire sereni.
  • Non avere timore nel contattare uno specialista. Il riconoscimento di questa paura, tutto è fuorché facile. In genere, la si tende a mascherare dietro una miriade di giustificazioni, quali momenti ostici, stanchezza, assoluto disinteresse per una storia sentimentale seria e malesseri vari. Ricorrere al supporto di uno psicoterapeuta può rivelarsi una saggia decisione. Ed è meglio farlo quanto prima, affinché i disagi generati dalla filofobia non prendano troppo il sopravvento. Toccherà allo specialista di turno mettere a suo agio chi ha paura d’amare: il giusto contesto d’ascolto abbinato alla possibilità di lasciarsi andare viene vista come la combinazione migliore possibile per superare al meglio le paure di stampo relazionale. In questo modo, infatti, si avrà maggiori possibilità di ritrovare il piacere di amare, senza avere la fobia di essere dipendente dalla propria metà.

Comprendere l’origine delle ferite passate e risanarle è il modo migliore per aprirsi a nuove relazioni affettive, permettendosi il lusso di rischiare di condurre una vita all’insegna della felicità in campo sentimentale.

Hai mai avuto paura di amare? Come l’hai superata?